In arrivo la riforma Irpef

9 Gennaio 2020
In arrivo la riforma Irpef

Il premier Conte dichiara che avvierà un confronto tra le forze di maggioranza per rimodulare l’Irpef e abbassare l’imposizione fiscale.

La riforma Irpef è una delle promesse del Governo che rientrano nei programmi per il 2020 annunciati dal premier Conte nel suo discorso di fine anno. Oggi, il presidente del Consiglio, in un’intervista al ‘Foglio’ riportata dall’agenzia stampa Adnkronos, torna sul tema e dichiara: ”Nei prossimi giorni avvierò il confronto con le forze politiche di maggioranza. L’obiettivo è la rimodulazione dell’Irpef in vista di un abbassamento delle soglie di imposizione. Sono già allo studio varie alternative. Le studieremo tutti insieme”.

Nel corso della sua conferenza stampa di fine anno, Conte aveva detto: “Puntiamo a semplificare gli scaglioni Irpef e abbassare la pressione fiscale in particolare a vantaggio della classe media”, e aveva anticipato la necessità di un vertice tra le forze di maggioranza a gennaio; ora il momento è arrivato, ma le ipotesi di lavoro, come ha ammesso il premier, sono diverse, fermo restando l’obiettivo di fondo della riduzione della pressione fiscale.

Una delle ipotesi possibili per definire le nuove aliquote Irpef è quella che prevede l’accorpamento di alcuni scaglioni per arrivare a tre complessivi al posto dei cinque attuali; se così fosse, i redditi fino a 28mila euro annui pagherebbero il 23% di Irpef anziché il 27% sulla fascia eccedente i 15mila euro (che ora è la soglia massima per l’aliquota al 23%), e dovrebbe scendere anche l’aliquota del terzo scaglione, che oggi è del 38% per la fascia di reddito da 28mila a 55mila euro. Si stima che sarebbero ben 23 milioni i contribuenti italiani che beneficerebbero della riduzione delle aliquote. Ma il lavoro del Governo su questi aspetti è appena iniziato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube