Diritto e Fisco | Articoli

Assicurazione infortuni domestici Inail: chi è coperto?

10 Gennaio 2020 | Autore:
Assicurazione infortuni domestici Inail: chi è coperto?

Chi ha diritto alla rendita o al risarcimento dell’Inail in caso di incidente domestico: polizza casalinghe 2020.

Chi non lavora come dipendente, parasubordinato o autonomo può avere comunque diritto all’assicurazione Inail contro gli infortuni, per le attività svolte in casa.

Nel dettaglio, casalinghe e casalinghi hanno il diritto/dovere di iscriversi all’Inail, pagando una polizza annuale per gli infortuni domestici. In caso di eventuale incidente domestico, spetta una rendita Inail a seguito del riconoscimento, da parte di un’apposita commissione medica dell’istituto, di un’invalidità almeno pari al 16%, a guarigione avvenuta. Se, invece, l’invalidità va dal 6 al 15%, spetta un risarcimento una tantum pari a 300 euro. In presenza di determinate condizioni, si può avere anche diritto all’assegno per l’assistenza personale continuativa o all’accompagno (pari a circa 533 euro al mese).

Ma nello specifico, in merito all’assicurazione infortuni domestici Inail, chi è coperto? In generale, sono obbligate all’iscrizione all’assicurazione le persone di età compresa tra i 18 e i 67 anni che svolgono in via esclusiva attività di lavoro in ambito domestico.

Che cosa succede se si svolge un’attività lavorativa part-time, o solo per parte dell’anno? Si è ugualmente obbligati all’iscrizione? E se si smette di lavorare, o si inizia un nuovo lavoro? È coperto anche chi non può pagare il premio perché ha un reddito molto basso o pari a zero? Proviamo a fare chiarezza.

Chi è obbligato a pagare la polizza Inail infortuni domestici?

È obbligato al pagamento della polizza Inail contro gli infortuni domestici, la cosiddetta polizza Inail casalinghe, chi:

  • ha un’età compresa tra i 18 e i 67 anni compiuti;
  • svolge un’attività di cura dei componenti della famiglia e della casa e non è legato da vincoli di subordinazione;
  • svolge l’attività di cura dei componenti della famiglia e della casa in modo abituale ed esclusivo.

In base ai requisiti assicurativi indicati dalla legge, si devono assicurare:

  • gli studenti che si occupano dell’ambiente in cui abitano, anche se studiano e dimorano in una località diversa dalla città di residenza;
  • tutti coloro che, avendo già compiuto i 18 anni, lavorano esclusivamente in casa per la cura dei componenti della famiglia (ad esempio ragazzi e ragazze in attesa di prima occupazione);
  • i titolari di pensione che non hanno superato i 67 anni;
  • i lavoratori in mobilità;
  • i cittadini stranieri che soggiornano regolarmente in Italia e non hanno altra occupazione;
  • i lavoratori in cassa integrazione guadagni;
  • coloro che svolgono un’attività lavorativa solo per parte dell’anno (lavoratori stagionali, lavoratori temporanei, lavoratori a tempo determinato); l’assicurazione, in questo caso, copre solo i periodi non lavorati; tuttavia, il premio assicurativo non è frazionabile, quindi il premio va pagato per intero, anche se la copertura assicurativa è valida solo nei periodi in cui non è svolta un’altra attività lavorativa.

A quanto ammonta il premio?

Il premio assicurativo unitario per la polizza contro gli infortuni domestici pari a 24 euro annui, esenti da oneri fiscali, e non è frazionabile.

Come ci si assicura contro gli infortuni domestici?

Per l’assicurazione contro gli infortuni domestici è necessario utilizzare gli appositi servizi telematici presenti nel sito web dell’Inail [1]. In particolare, i servizi web disponibili in merito alla polizza infortuni domestici sono i seguenti:

  • domanda di iscrizione e richiesta avviso di pagamento;
  • domanda di iscrizione e rinnovo con dichiarazione sostitutiva;
  • invia la richiesta di cancellazione dall’assicurazione;
  • visualizza e stampa avviso di pagamento per rinnovo assicurazione;
  • visualizza e stampa le ricevute degli avvisi pagati online tramite PagoPA;
  • visualizza la situazione assicurativa e i pagamenti;
  • invia segnalazioni e richiesta di informazioni.

Per assicurarsi per la prima volta e pagare il premio, è necessario utilizzare il servizio “Domanda di iscrizione e richiesta avviso di pagamento”.

Per effettuare la domanda di iscrizione il richiedente deve compilare nel servizio online la sezione A – Dati del richiedente – e la sezione B – Requisiti assicurativi, dichiarando, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso delle condizioni richieste dalla legge per iscriversi all’assicurazione contro gli infortuni domestici e indicando nell’apposito campo la data dalla quale è o sarà in possesso delle condizioni (data di maturazione dei requisiti assicurativi).

L’accesso ai servizi telematici è riservato a chi possiede le credenziali dispositive (dell’Inail, dell’Inps, della Carta nazionale dei servizi o di Spid).

Chi ha un reddito basso o non ha reddito è coperto contro gli infortuni domestici?

È coperto dalla polizza contro gli infortuni domestici, ma non è tenuto a pagare il premio, in quanto a carico dello Stato, chi:

  • è titolare di redditi lordi propri ai fini Irpef non superiori a 4.648,11 euro annui;
  • appartiene a un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo ai fini Irpef non supera 9.296,22 euro annui; per chi è esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, la recente determina presidenziale Inail [2] in materia di polizza infortuni domestici ha stabilito che si fa riferimento:
    • al reddito complessivo lordo ai fini Irpef personale e del nucleo familiare;
    • percepito nel secondo anno precedente la presentazione della dichiarazione sostitutiva.

Per beneficiare dell’esonero dal versamento del premio ed effettuare la prima iscrizione all’assicurazione, o per rinnovare l’assicurazione entro il 31 gennaio di ogni anno, è necessario utilizzare il servizio “Domanda di iscrizione e rinnovo con dichiarazione sostitutiva”.

Chi inizia a lavorare deve continuare a pagare il premio?

Chi inizia a lavorare a tempo indeterminato deve inviare la richiesta di cancellazione dall’assicurazione, attraverso l’omonimo servizio telematico nel sito web dell’Inail: questo servizio permette agli utenti di comunicare all’Inail di non essere più in possesso delle condizioni per essere assicurati e di richiedere, quindi, la cancellazione dall’assicurazione.


note

[1] Inail, Circ. 37/2019.

[2] Determina presidenziale Inail 40/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube