Occupazione: i nuovi dati Istat

9 Gennaio 2020
Occupazione: i nuovi dati Istat

L’andamento dell’occupazione secondo l’ultima rilevazione Istat sul mondo del lavoro: tendenza alla crescita, ma lieve, mentre rimane alta la disoccupazione.

È arrivata oggi la rilevazione Istat sui dati dell’occupazione in Italia; il resoconto di sintesi ci viene fornito dalla nostra agenzia stampa Adnkronos. L’andamento registrato nel mese di novembre vede una crescita degli occupati di 41mila unità rispetto al mese precedente (+0,2%), con un tasso di occupazione che sale al 59,4% (+0,1 punti percentuali). Stabile il tasso di disoccupazione che si attesta al 9,7%.

Per il premier Giuseppe Conte sono “incoraggianti i dati Istat sull’occupazione. A novembre raggiunto il massimo storico, il 59,4%, trainato dalla crescita di occupati fra giovani e donne. Bisogna fare ancora tanto, al Sud in particolare. Andiamo avanti per creare più lavoro e sviluppo. La direzione è quella giusta”, scrive su twitter, commentando i dati Istat sull’occupazione.

Tornando all’analisi dei dati, c’è un aumento della componente femminile (+0,3%, pari a +35mila) ed una sostanziale stabilità di quella maschile. Quanto alle fasce di età, gli occupati crescono tra i giovani, i 25-34enni ed anche tra gli ultracinquantenni, mentre calano nelle altre classi d’età; al contempo, aumentano i dipendenti permanenti (+67mila) a fronte di una diminuzione sia dei dipendenti a termine (-4mila) sia degli indipendenti (-22mila).

“Dopo l’incremento occupazionale del primo semestre dell’anno e l’andamento altalenante del terzo trimestre, nel mese di novembre si conferma la tendenza alla crescita già registrata a ottobre che porta l’occupazione ai massimi storici (cioè dal 1977, anno di inizio delle serie storiche ricostruite). L’aumento congiunturale dell’occupazione è trainato dai dipendenti permanenti e da una rilevante crescita del tasso di occupazione dei giovani con 25-34 anni, mentre calano i lavoratori a termine e gli indipendenti. Contestualmente, si registra una lieve crescita del numero di disoccupati e un calo dell’inattività, che scende ai valori minimi storici”, commenta l’Istituto di statistica.

Anche nel confronto tra il trimestre settembre-novembre e quello precedente, l’occupazione risulta in crescita, seppure lieve (+0,1%, pari a +18mila unità), con un aumento che si distribuisce tra entrambi i sessi. Nello stesso periodo aumentano sia i dipendenti a termine sia i permanenti (+62mila nel complesso), mentre risultano in calo gli indipendenti (-0,8%, -43mila); inoltre, si registrano segnali positivi per i 25-34enni e per gli over 50, negativi nelle altre classi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube