Diritto e Fisco | Articoli

Addio elettrocardiogramma per sport amatoriale: decide il medico di base

4 settembre 2013


Addio elettrocardiogramma per sport amatoriale: decide il medico di base

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 settembre 2013



Al posto dell’esame, varrà un accertamento del medico o pediatra di base, da ripetersi una volta all’anno.

Va in cantina il famoso elettrocardiogramma, con tutte le sue ventose e il gel che sporcava i vestiti. Il decreto del Fare, divenuto legge questa estate, ha soppresso una serie di certificazioni sanitarie (alcune delle quali rese obbligatorie proprio di recente). Tra esse, vi è l’obbligo di certificazione per le attività ludico-motorie e amatoriali [1].

La conseguenza è che non saranno più obbligatori gli accertamenti sanitari quali l’elettrocardiogramma. Al posto dell’esame, dovrà essere effettuato un controllo, con conseguente certificazione, da parte del medico o pediatra di base per l’attività sportiva non agonistica.

Saranno dunque i medici o pediatri di base a dover stabilire, una volta all’anno, dopo un’attenta visita, se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti o sono invece idonei all’attività sportiva.

note

[1] Art. 7, comma 11, Dl 158/12, convertito con modifiche nella l. 189/12.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI