Pensioni, addio Quota 100: arriva Quota 102

10 Gennaio 2020 | Autore:
Pensioni, addio Quota 100: arriva Quota 102

Riforma pensioni in vista: uscita del lavoro a 64 anni di età e 38 di contributi. Ma ci sono anche altre ipotesi più graduali basate sul tipo di lavoro svolto.

«Quota 100 è una misura temporanea. Ha una durata triennale, al termine torneremo ad interrogarci in merito». Così aveva detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a fine anno, tracciando i programmi del Governo per il 2020. Adesso, con la ripresa dei lavori si iniziano a valutare le proposte su come andare oltre: l’ipotesi più probabile è quella di arrivare a Quota 102 ed è questa la strada verso cui si stanno indirizzando i tecnici del Governo.

Il problema va affrontato ora perché, senza interventi correttivi, sorgerebbe improvvisamente uno “scalone” di quasi 5 anni per poter andare in pensione dal 2022, quando terminerà l’attuale Quota 100: i nati nel 1959 potrebbero ancora andare in pensione, fino al 31 dicembre 2021, con le attuali regole dei 62 anni di età e 38 di contributi, mentre chi è nato dal 1960 in poi dovrebbe aspettare di compiere 67 anni per ottenere la pensione di vecchiaia, o scegliere quella anticipata che però richiede 42 anni e 10 mesi di contributi agli uomini e un anno in meno alle donne.

Così i tecnici sono già al lavoro per pianificare l’impatto di una nuova Quota 102, che consentirebbe di andare in pensione con 64 anni di età e 38 di contributi. Sono due anni di età in più rispetto al requisito attuale (quello dell’anzianità contributiva resterebbe invariato), ma comporterebbe notevoli risparmi per le casse dello Stato rispetto alla prosecuzione dell’attuale misura (che nell’intenzione del Governo non sarà prorogata oltre la scadenza) o all’assenza di interventi.

Il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha detto, di recente, che l’impegno del Governo è «fare un tavolo di approfondimento tecnico sulla questione delle pensioni e, più in generale, su come andare a rivedere il sistema complessivo», mentre il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta ha aggiunto che Quota 100 «va a morire da sola» tra due anni e «quando muore, ci lascia un bel po’ di problemi: uno scalone e soprattutto un buco di governo del sistema previdenziale perché è abbastanza impensabile tornare alla Fornero così come era».

Dunque, per evitare crisi improvvise del sistema pensionistico e falle nei bilanci pubblici si sta intraprendendo una riforma delle pensioni 2020 che nei piani del Governo dovrebbe ricorrere sempre più al sistema di calcolo contributivo del montante, anziché a quello retributivo (oggi con l’attuale Quota 100 la parte contributiva incide per quasi due terzi del totale e questo pesa parecchio sulla convenienza a lasciare il lavoro prima della scadenza naturale). Così, per accentuare nel prossimo futuro il peso degli anni di contribuzione versati, si pensa di adottare il modello di calcolo già utilizzato per Opzione Donna.

Ma ci sono altre ipotesi per andare oltre Quota 100: come quella proposta dal presidente dell’Inps, che vorrebbe superare il tabù dell’età pensionistica uguale per tutti ed arrivare a soluzioni flessibili, differenziate e basate sul tipo di lavori svolti, privilegiando l’accesso anticipato alla pensione per chi ha svolto lavori faticosi e usuranti, ma bisognerà trovare l’accordo politico per individuare queste nuove età minime per ogni categoria. Anche qui una Commissione è già al lavoro per individuare quali sono le attività gravose e proporre le soluzioni applicabili per i pensionamenti.



7 Commenti

  1. “che Dio vi maledica”

    A proposito della nuova proposta quota 102 (36+64) tutta col contributivo.

    Sono un lavoratore dipendente (settore privato tessile).
    nato in febbraio 1960.
    con quota 100 (62 + 38) andrei in pensione a 62 anni (febbraio 2022) , ma sono fuori per appunto per 2 mesi scarsi.

    nel mio caso, a 62 anni avrei 41 anni di lavoro (quindi sarebbe cmq quota 103).
    con la vs pensata, a 64 anni avro’ 43 anni di lavoro (quindi quota 107).

    ditemi cosa (mi) cambia dalla vs pensata alla legge Fornero.
    ASSOLUTAMENTE NULLA. é una presa per il culo.

    dovete smettere di trattare i lavoratori come asini da soma da sfruttare.
    per fortuna sareste di sx, dalla parte dei lavoratori, eh Catalfo.

    quindi gli anni di lavoro e di tasse pagate (tutte) per voi non contano assolutamente nulla.
    siccome vi paghiamo NOI lo stipendio …
    vorrei che tutti i gg timbraste il cartellino di entrata ed uscita.
    il doppio lavoro ve lo scordate. meno tv e lavorare (per molti di voi questo verbo é sconosciuto).
    e col cuore vi dico : che Dio vi maledica !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    (pensieri LIBERI dalla raccolta “Non sempre penso positivo, ma son vivo, ma son vivo”)

    Zeb9

    1. Ben detto infatti noi italiani siamo diventati oggetti che loro possono e vogliono manipolare come meglio credono, perché purtroppo nonassomigliamo neanche lontanamente al popolo francese che si ribella quando vede cose storte. Politicanti italiani siete dei buffoni di corte, che state svolgendo solo un compito: arricchirvi alla faccia di chi vi paga lo STIPENDIO, cioè noi…

      1. Siete un gran nuvolo di inetti.
        Purtroppo pero’ qualcuno vi ha messi li’ e vi dilettate a giocare con le nostre vite. Sappiate che tutto prima o poi ci ritorna come un boomerang.!

      2. Chi è nato nel 1959 va in pensione con quota 100 ! Chi e’ nato nel 1960 la prende nel culo ! Bellissimo modo di governare in maniera democratica ed imparziale ! Adesso per avere la possibilità di andarsene in pensione bisogna essere fortunati avere pure culo ! Non vi bastano più i 38 anni di contributi versati con 62 anni di età, no ! Bisogna mandare in pensione il più tardi possibile affinché si possa godere la pensione solo per alcuni anni, nella speranza che poi muoia ! I nostri figli, anche laureati, in modo particolare del Sud che ancora a 28 o 30 anni non lavorano ( perché qui al Sud non c’è un cazzo ) ammesso che trovano lavoro al nord andranno in pensione a 75 o 80 anni di questo passo !? Tranne i vostri perché già lavorano magari senza una laurea !! Bravi PD e 5 stelle bravissimi tutti, in
        particolare 5 stelle movimento per il popolo del cazzo ! Un consiglio, fate tutto in fretta finche potete perché allè prossime esisterebbe più! Non vi voterà nessuno !!!!!!

  2. Ma andremo in pensioni già morti ecco così lo stato risparmia e le nostre tasse pagate per un intera vita? Noi donne stanche oltre il lavoro, la casa i figli dovremo andare in pensione a 60 anni.

  3. Per fortuna a questi stronzi sinistrorsi ce li toglieremo di mezzo prima del 2022. Vedremo se continuerete a fare cassa con il lavoro dei dipendenti. Vigliacchi traditori

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube