Nuove tecnologie: come cambia il mondo del lavoro

10 Gennaio 2020
Nuove tecnologie: come cambia il mondo del lavoro

Come affrontare il tema dei cambiamenti nel mondo del lavoro, legati all’affermarsi delle nuove tecnologie.

Nell’auditorium dei consulenti del lavoro, si sta tenendo oggi, a Roma, il primo seminario internazionale ‘L’intelligenza artificiale e il futuro del lavoro‘, promosso dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro, e a cui prendono parte, tra gli altri, i vertici dei ‘graduados sociales‘, gli omologhi dei consulenti del lavoro in Spagna.

Come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, Marina Calderone, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro, ha aperto così l’evento “Il mondo del lavoro è da sempre tutt’altro che statico, ma è dinamico, in continua evoluzione. Parlare di intelligenza artificiale è necessario per professionisti come noi che hanno il ruolo di accompagnare le imprese nel cambiamento legato alle nuove tecnologie e che non riguarderà solo i modelli organizzativi ma i rapporti di lavoro stessi”.

Un mondo del lavoro che vedrà cambiamenti sempre più significativi. “Nei prossimi anni, secondo l’Ocse, scompariranno sempre più lavori a bassa professionalizzazione e ne nasceranno di nuovi legati all’intelligenza artificiale. È centrale, quindi, riqualificare tutti coloro che rischiano di essere espulsi da mercato del lavoro per via del riposizionamento delle imprese con l’Ia”, ha spiegato.

E in questo ambito il ruolo dei consulenti dovrà essere centrale. “Come professionisti esperti del mondo del lavoro dovremo guidare le aziende in queste nuove strade, in cui il rapporto di lavoro sarà sempre più guidato tra l’altro dallo smart working e dai big data”, ha sottolineato Calderone. Per Calderone, cheè anche alla guida delle associazioni dei professionisti giuslavoristici europei e internazionali, “c’è la necessità di pensare al ruolo del professionista oggi, e noi lo stiamo già facendo, stiamo studiando su questi temi”.

Per i consulenti, ha ribadito Calderone, “è centrale ricordare che cittadini e imprenditori ci riconoscono il primato culturale nelle materie di nostra competenza”.

E i temi dell’intelligenza artificiale e del futuro del lavoro saranno al centro dell’undicesima edizione del Festival del lavoro, in programma a Roma dal 18 al 20 giugno. “I colleghi stranieri sono già invitati da tempo, mentre per i consulenti del lavoro la partecipazione all’evento dovrebbe essere quasi un obbligo deontologico e professionale“, ha concluso.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube