Lifestyle | News

Banche: prestiti alle famiglie in aumento

10 Gennaio 2020
Banche: prestiti alle famiglie in aumento

Il nuovo rapporto “Banche e moneta” di Banca d’Italia: un focus sul calo delle sofferenze nel settore bancario; sui tassi di interesse sui mutui; sui nuovi prestiti.

“A novembre 2019 accelera il calo delle sofferenze nel nostro settore bancario con una riduzione del 23,5 per cento sui dodici mesi (a ottobre era stata del 21,2 per cento)”. A comunicarlo è la Banca d’Italia nel rapporto ‘Banche e moneta’, come riporta una nota che la nostra redazione ha appena ricevuto dall’agenzia di stampa Adnkronos. Si segnala come il calo risenta di alcune operazioni di cartolarizzazioni avvenute nell’ultimo anno. Anche a novembre si conferma lo scenario ‘duplice’ per i prestiti al settore privato che se complessivamente (corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari) sono cresciuti dello 0,1% sui dodici mesi (+0,3% a ottobre), per quanto riguarda le imprese sono diminuiti dell’1,9% (contro il -1,4% nel mese precedente).

I prestiti alle famiglie registrano una crescita del 2,3% (2,4% a ottobre). I depositi del settore privato sono cresciuti del 7,6% sui dodici mesi (contro il 5,7 in ottobre) mentre continua la ripresa della raccolta obbligazionaria aumentata del 2,3% sui dodici mesi (contro l’1,1% in ottobre).

A novembre 2019 tassi di interesse sui mutui praticamente stabili all’1,76 per cento (con una minima variazione rispetto ai livelli record di ottobre, 1,74%). La Banca d’Italia segnala come i tassi sulle nuove erogazioni di credito al consumo si siano attestati all’8,49 per cento. Sui nuovi prestiti alle imprese i tassi sono stati pari all’1,29 per cento (1,31 in ottobre) con quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro pari all’1,85 per cento, mentre quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati allo 0,86 per cento. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,37 per cento.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube