Microimprese «mordi e fuggi», il fenomeno si aggrava

11 Gennaio 2020
Microimprese «mordi e fuggi», il fenomeno si aggrava

Tra le molte piccole Srl oneste si annidano quelle di vita breve, che scompaiono lasciando debiti verso fisco e fornitori; qui si infiltra la criminalità.

Le piccole imprese sono in una tenaglia: da un lato vengono oppresse dal fisco, dall’altro si trovano in balia della criminalità. È questo il messaggio che emerge oggi da una nota di Federcontribuenti diffusa dall’agenzia stampa Adnkronos.

L’indagine riguarda le Srl, specialmente quelle di dimensioni piccole, costituite di recente e che hanno vita molto breve; sono le microimprese che sono l’ossatura del sistema produttivo del nostro Paese e che vengono oberate da un carico fiscale per loro eccessivo e da pesanti adempimenti. Molte di esse, però, appartengono alla categoria del «mordi e fuggi», che a un certo punto interrompono o cessano l’attività e scompaiono, lasciando impagati i debiti tributari, contributivi e quelli privati verso i propri fornitori.

”Il 95% delle aziende in Italia è rappresentato da microimprese quelle cioè con un numero di dipendenti che varia da 1 a 5 unità e che realizzano un fatturato annuo non superiore ai 100mila euro. Sono le microimprese a sostenere i conti pubblici e i servizi come anche l’occupazione con circa il 44,5% degli occupati in Italia contro i 6 milioni di addetti delle grandi imprese e i 3,3 del settore pubblico”, afferma la federazione.

“Questo mentre le Srl hanno accumulato in pochi anni 161 miliardi di euro di debiti con il fisco e mentre una microimpresa su 2 in Italia si indebita con il fisco e con le banche e se non paga muore nel giro di 90 giorni, con le Srl finora il fisco ha recuperato appena l’1,6% dei debiti fiscali ”.

Ogni anno, rileva Federcontribuenti ”in Italia vengono registrate società con il countdown: nascono per morire nell’arco di 2 anni. Secondo i magistrati fallimentari queste aziende vengono costituite con l’intento di frodare lo Stato non versando mai l’Iva e utilizzando prestanomi per nascondersi”.

L’identikit di queste società «mordi e fuggi» è sempre lo stesso: si tratta per lo più piccole Srl costituite con un euro di capitale sociale, ma che si aggiudicano a basso costo contratti di appalto o subappalto e poi dopo aver ottenuto l’incasso spariscono in breve tempo. “Fin dal primo giorno di attività – sottolinea Federcontribuenti – non versano l’Iva e non pagano le ritenute d’acconto e i contributi previdenziali ai dipendenti”.

E la criminalità organizzata, spiega l’associazione dei consumatori è in agguato: ”con una Srl è semplice confondere il denaro di illecita provenienza con quello legale e inoltre risulta utile per nascondere l’identità di chi la controlla realmente dietro le teste di legno o anche con altre società prive di consistenza, ma costituite al solo scopo di fungere da paravento. La capacità di autofinanziare i propri investimenti, di offrire beni e servizi low cost e quindi assolutamente competitivi ha prodotto un vasto ed articolato sistema societario assolutamente invisibile agli occhi di quella parte di Stato che trae vantaggio dalla loro presenza”.

È grazie a queste imprese, denuncia Federcontribuenti, ”che le organizzazioni criminali continueranno ad interloquire con gli enti pubblici. Inoltre con le minacce o le estorsioni e l’usura è facile acquisire quote di Srl oneste”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube