L’Inps cambia facce

12 Gennaio 2020
L’Inps cambia facce

Il presidente dell’Istituto nazionale della previdenza sociale ha stabilito una grossa rotazione dei dirigenti degli uffici territoriali e di quelli centrali, nonostante le proteste di alcuni interessati. 

Rotazione dei dirigenti territoriali e centrali dell’Inps: saranno redistribuiti e assegnati ai vari uffici in maniera diversa dal passato. È una piccola rivoluzione quella annunciata stamattina dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, in un intervento sulla Stampa, riportato anche dall’agenzia Adnkronos, dopo che ieri il quotidiano nazionale aveva dato la notizia della protesta di alcuni dirigenti che sarebbero stati penalizzati dalla recente riorganizzazione dell’Istituto operata da Tridico.

Oggi, rispondendo anche alle recenti polemiche sull’ammontare dei compensi percepiti, il presidente Tridico replica dalle colonne de La Stampa sostenendo che la riorganizzazione dell’Inps è stata “partecipata e trasparente” e la rotazione dei dirigenti è prevista da un regolamento interno a tutela della “trasparenza” e contro la “corruzione”. E tenuto conto che guadagnano “240mila euro l’anno devono essere disposti a spostarsi”.

Molti trasferimenti in vista, dunque: “Per la prima volta nella storia dell’Inps e come riconosciuto anche dai sindacati e dai Ministeri vigilanti – scrive Tridico – ho avviato un processo di riorganizzazione partecipato e trasparente: 7 mesi di incontri con personale, dirigenti, Consiglio di indirizzo e vigilanza e sindacati”. “Poi, al momento dell’individuazione dei titolari degli incarichi, invece di trattare con leader politici e sindacali, come voci del passato riportavano, ho chiesto una previa selezione a una commissione di tre professori universitari e l’ho proposta al Direttore generale sulla base dei principi delle competenze, della rotazione, dell’osmosi fra centro e territorio, portando sul territorio chi non c’era mai stato e riportando dal territorio direttori che avevano lavorato in trincea”.

Ma come funziona il nuovo meccanismo di assegnazione dei dirigenti alle varie sedi Inps? “Ho avuto il coraggio o l’incoscienza – aggiunge Tridico – di applicare un principio di rotazione degli incarichi, come suggeriscono Anac e un nostro regolamento (precedente al mio arrivo): quindi sono andati sul territorio alcuni direttori che non avevano mai visto una sede operativa. Preciso che all’oggi a distanza oramai di tre mesi dalla riorganizzazione e di uno dalle nomine, non c’è nessun ricorso legale, ma solo una lettera di un avvocato di parte che difende suoi clienti”.

“Lo Stato – rileva poi Tridico – colloca i dirigenti Inps al tetto più alto delle retribuzioni pubbliche, a 240mila euro all’anno, ma devono essere disposti a spostarsi quando l’amministrazione glielo chiede, perché l’Inps sta a Roma come a Milano, in Sardegna come a Napoli. Siamo presenti su tutto il territorio nazionale e deve essere un onore rappresentare l’Inps e lo Stato non solo nei palazzi romani”.

Infine, rileva Tridico, quanto all’accusa “che nelle posizioni chiave, Informatica, Risorse Umane, Comunicazione e Formazione, sarebbero andati dirigenti per controllare 4 aree molto care al M5S è infondata, da querela“. Infine, quanto alla ipotesi di carenza di poteri per attuare la riorganizzazione Tridico evidenzia che nelle more del completamento della governance il presidente “ha le competenze del Cda, come confermato da due ministeri”. “Il Cda sta tardando ad arrivare: se lo immagina un ente come Inps senza i poteri del Cda da maggio scorso?”, conclude retoricamente Tridico.


2 Commenti

  1. e una vergogna dopo 41 anni di contributi a prendere 600 euro, certo ai miei figli non faccio mai fare attività autonome

  2. Spero venga sostituita, visto che non si può licenziare, la direttrice del mio ufficio territoriale INPS di riferimento. Del tutto incompetente e anche arrogante: mi ha risposto, ad una mia legittima richiesta a cui non ha dato una risposta plausibile, che, se credevo di aver subito un torto, potevo denunciare l’INPS, come se avessi la possibilità economica di farlo! E anche la “truppa” che ha a disposizione….c’è gente che a malapena sa come si accende un computer!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube