Business | News

Ripresa economica: gli italiani ci credono?

13 Gennaio 2020
Ripresa economica: gli italiani ci credono?

I risultati di un’indagine per misurare la fiducia nella crescita economica italiana, dalle aspettative sugli aumenti di stipendio all’andamento delle imprese.

Per misurare la fiducia nella tanto annunciata ripresa economica è stata svolta un’indagine indipendente a cura del Randstad Workmonitor.  Il sondaggio non è limitato all’Italia, ma ha riguardato 34 Paesi del mondo su un campione di 405 lavoratori di età compresa fra 18 e 67 anni per ogni nazione, che lavorano almeno 24 ore alla settimana e percepiscono un compenso economico per questa attività. Dunque le risposte sono state fornite esclusivamente dai lavoratori e non da altre categorie, come studenti, casalinghe o pensionati.

L’esito del sondaggio ci viene riportato ora dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, e i risultati sono alquanto sconfortanti: solo il 44% crede nel miglioramento del nostro Paese, e nella classifica generale siamo terz’ultimi nel mondo. Così i lavoratori italiani accolgono il 2020 con scarsa fiducia nel miglioramento della situazione economica e finanziaria del Paese. Poco più di quattro dipendenti su dieci credono in una crescita economica nei prossimi dodici mesi (44%), in calo del 4% rispetto al 2018 e ben 13 punti sotto alla media globale, pari al 57%. L’Italia si colloca al terz’ultimo posto su 34 paesi per livello di fiducia nelle condizioni economiche nazionali, insieme al Belgio e davanti soltanto a Spagna (41%) e Giappone (26%).

Resiste invece la fiducia nei risultati delle imprese, con il 67% dei lavoratori ottimista sulle performance del proprio datore di lavoro, ma risulta comunque in calo rispetto al 75% di due anni fa e distante tre punti dalla media mondiale (70%). Cresce invece l’ottimismo sulle condizioni economiche individuali, con il 50% dei dipendenti che si aspetta di ricevere un bonus nel corso dell’anno (+5% sul 2018) e il 41% che spera in un aumento di stipendio (+2%).

Proprio oggi anche il Centro Studi di Confindustria ha diffuso, sempre attraverso l’agenzia Adnkronos, i dati sull’andamento dell’economia italiana, che registra una crescita ” appena sopra lo zero, con più occupazione, consumi in debole aumento e tassi sovrani stabili. Per la crescita mancano gli investimenti, che non ripartono, e il credito, che è in calo”, commenta in una nota il Csc, sottolineando che “si conferma anche nel quarto trimestre 2019 il persistere di una sostanziale stagnazione. L’export cresce a fatica, con i mercati extra-Ue cruciali, ma aumentano i rischi -continua la nota. L’instabilità in Iran e Libia potrebbe causare uno shock petrolifero. Scambi mondiali deboli, così come l’Eurozona, ma la crescita Usa è solida, migliora la Cina e reggono i mercati finanziari“.

Tornando al sondaggio sulla fiducia espressa dai lavoratori, ”Gli auspici per il 2020 – commenta Marco Ceresa, amministratore delegato di Randstad Italia – sono meno positivi rispetto a due anni fa, ma non tutti i risultati dell’indagine sono negativi. La fiducia nelle imprese resta elevata, mentre cresce nei lavoratori l’aspettativa di un miglioramento delle proprie condizioni personali”.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube