Diritto e Fisco | Articoli

Vuoi un allarme antifurto in casa? Puoi usare l’agevolazione fiscale al 50%

5 Settembre 2013
Vuoi un allarme antifurto in casa? Puoi usare l’agevolazione fiscale al 50%

Anche l’impianto di allarme, installato in casa, può usufruire della detrazione fiscale del 50%.

La detrazione fiscale del 50%, prevista per le ristrutturazioni edilizie [1], si può applicare anche l’acquisto di un impianto di allarme per la casa. Infatti, il bonus si applica anche per le opere finalizzate a impedire il compimento di atti illeciti da parte di terzi, quali ad esempio proprio l’installazione di un impianto di allarme su edifico residenziale esistente, cioè già accatastato [2].

La detrazione si applica anche per i nuovi fabbricati, a condizione che il fabbricato sia già accatastato prima dell’intervento e che le spese siano sostenute dal privato non esercente attività commerciale (soggetto Irpef).

Come posso ottenere la detrazione?

Per fruire della detrazione, basta pagare le fatture con bonifico bancario o postale e indicare in dichiarazione dei redditi gli estremi catastali del fabbricato (vedi guida al 36%-50% su www.agenziaentrate.it).

Quale IVA si paga per gli impianti di allarme?

L’acquisto di un impianto di allarme sconta l’IVA agevolata del 10% solo sino a concorrenza del valore della manodopera impiegata nell’esecuzione dei lavori [3] (intendendosi per tale il corrispettivo richiesto per l’installazione, comprensivo anche delle materie prime impiegate [4]), mentre l’eventuale parte eccedente deve essere assoggettata all’aliquota ordinaria del 21%. È pertanto necessario che, in fattura, le due voci (corrispettivo del valore del bene e quello richiesto per la relativa installazione) siano evidenziate separatamente.


note

[1] Art. 16-bis del Tuir 917/86 e articolo 16 del Dl 63/2013 convertito dalla legge 90/2013.

[2] circolare 13/E del 6 febbraio 2001.

[3] Art. 2, comma 11, legge 191/2009.

[3] Circolare 71/E/2000.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube