Nuovi modelli per la dichiarazione dei redditi 2020

16 Gennaio 2020
Nuovi modelli per la dichiarazione dei redditi 2020

L’Agenzia Entrate ha rilasciato i nuovi modelli da utilizzare per le dichiarazioni 2020: modello 730, certificazione unica, dichiarazione Iva e modello 770.

Pronti sul sito dell’Agenzia delle Entrate tutti i nuovi modelli per la dichiarazione dei redditi 2020 e le relative istruzioni  per la compilazione: dal modello 730 alla Certificazione unica, dalla dichiarazione Iva al modello 770 per i compensi erogati dai sostituti d’imposta.

Fra le principali novità – illustrate dall’agenzia stampa Adnkronos, che ha visionato l’anteprima dei documenti – ci sono l’estensione dell’utilizzo del modello all’erede e l’ingresso dello sport bonus nel 730. Gli addetti ai lavori apprezzeranno (forse) anche l’introduzione di appositi campi nella Certificazione unica per l’indicazione dei premi di risultato di anni precedenti e l’inserimento, nel modello Iva/2020, della casella ‘Esonero dal visto di conformità’ nel riquadro per la firma. Vediamo in dettaglio una per una tutte queste novità.

Eredi

Dalla prossima stagione dichiarativa, gli eredi potranno utilizzare il 730 per effettuare la dichiarazione dei redditi per conto del contribuente deceduto nel periodo compreso fra il 2019 e il 23 luglio 2020 e che presentava i requisiti per utilizzare questo modello semplificato.

Bonus 

Entrano inoltre nel 730 lo sport bonus, il credito d’imposta per la bonifica ambientale e la detrazione del 50% per le spese di realizzazione di colonnine per la ricarica di auto elettriche.

Figli a carico

Le istruzioni sono state aggiornate per recepire il nuovo limite reddituale per il figlio a carico, ora portato a 4 mila euro, e l’aumento a 800 euro delle spese di istruzione detraibili.

Visto Iva

Nel Modello di dichiarazione Iva ci sarà una nuova casella per l’esonero dall’apposizione del visto di conformità. Nel frontespizio del modello Iva/2020 entra la nuova casella per i contribuenti che hanno applicato gli Isa (gli indici sintetici di affidabilità che hanno sostituito gli studi di settore) e pertanto risultano esonerati dall’apposizione del visto di conformità.

Nuovi quadri

Da segnalare anche l’introduzione di due nuovi quadri, il VP e il VQ. Il primo, il VP, è riservato ai contribuenti che intendono comunicare in sede di presentazione della dichiarazione annuale i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche Iva relative al quarto trimestre. Il secondo, VQ, è riservato ai contribuenti che intendono determinare il credito maturato in seguito a versamenti di Iva periodica non spontanei: comunicazioni d’irregolarità (art. 54 bis) o notifica di cartelle di pagamento riguardanti le comunicazioni delle liquidazioni periodiche (articolo 21 bis del decreto legge n. 78/2010).

La nuova Cu 2020

Nella Certificazione unica 2020 trovano spazio campi appositi per l’indicazione dei premi di risultato relativi agli anni precedenti, per gestire le ipotesi in cui l’anno di effettuazione dell’opzione di conversione del premio di risultato in welfare aziendale non coincide con il periodo d’imposta in cui avviene l’erogazione dei benefit.

Tre nuovi campi anche per consentire di indicare la nuova forma di detassazione del Tfs, il Trattamento di fine servizio previsto dal decreto legge n.4/2019.

Modello 770

Quanto al Modello 770, nel quadro ST del modello è stato inserito un nuovo rigo riguardante i ‘Dati relativi all’intermediario non residente‘, nei casi in cui l’intermediario non residente abbia nominato un rappresentate fiscale in Italia attivo come sostituto d’imposta. Da menzionare anche l’effettuazione di alcune modifiche alle istruzioni del quadro SK per semplificare l’esposizione dei dati in caso di tassazione degli utili maturati in anni diversi.

Sempre con riguardo ai sostituti d’imposta, si segnalano inoltre alcuni aggiornamenti alle istruzioni per la compilazione della Certificazione degli utili e dei proventi equiparati (Cupe).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube