Malfunzionamenti della giustizia: partono le segnalazioni

16 Gennaio 2020
Malfunzionamenti della giustizia: partono le segnalazioni

I cittadini potranno segnalare i malfunzionamenti dei tribunali, inviando documenti, foto e filmati che saranno diffusi per denunciare pubblicamente i disagi.

Un viaggio nel mondo della giustizia compiuto da chi lo conosce bene perché lo frequenta quotidianamente: gli avvocati. È una nuova iniziativa per segnalare e denunciare le situazioni più gravi, quelle dei palazzi di giustizia in rovina, a rischio di crollo o con scarsa manutenzione, alla quale potranno partecipare tutti i cittadini interessati al funzionamento della macchina giudiziaria. È promossa dall’Ocf e ce ne parla l’agenzia stampa Adnkronos.

“Edifici fatiscenti, strutture fuori norma, ritardi cronici e carenze di personale, udienze rinviate di anni“. E ancora. “Difficoltà enormi con le quali non solo gli avvocati, ma anche i magistrati e tutto il personale dell’amministrazione della giustizia si confrontano e scontrano ogni giorno”. Per questo l’Organismo Congressuale Forense, organo di autogoverno politico dell’Avvocatura, lancia l’iniziativa di un “Viaggio in Italia” con i suoi delegati, e in stretta collaborazione con i Consigli degli Ordini Forensi, per denunciare il disagio quotidiano degli operatori della Giustizia.

“Seguendo idealmente le orme di Goethe nel suo Viaggio in Italia – spiega il Coordinatore Ocf Giovanni Malinconico – stavolta non per narrare le meraviglie del Belpaese, ma le storture di un sistema che nega il diritto dei cittadini ad ottenere giustizia, cominciamo a raccogliere dati, informazioni, fotografie, filmati da chiunque voglia segnalarci ciò che non funziona. Materiale che, senza polemiche
pretestuose e senza avversari da abbattere, renderemo pubblico progressivamente con l’obiettivo di cercare soluzioni concrete in un clima di dialogo costruttivo con la politica“. “Non ci sono solo le grandi riforme come quella sulla prescrizione, che noi contestiamo aspramente e per la  quale stiamo proponendo un referendum abrogativo; ci sono anche i bagni che non funzionano e i palazzi di giustizia senza riscaldamento d’inverno e aria condizionata d’estate, ci sono edifici in affitto che costano milioni di euro ogni anno”, aggiunge Malinconico.

Un viaggio che a breve si arricchirà di un ulteriore strumento, uno Sportello SOS Giustizia che verrà attivato a febbraio, ma che intanto comincia raccogliendo le segnalazioni dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati dalla Sicilia orientale.



1 Commento

  1. Con la dissacrazione della Giustizia da parte di alcuni? molti? tantissimi?, per fortuna non tutti, magistrati, che hanno preso “alla lettera” il loro ‘potere discrezionale’, il loro ‘prudente apprezzamento’ e il loro ‘libero convincimento’ nella decisione di un contenzioso, giungendo a scrivere delle motivazioni di ‘comodo’, se non ‘false’, rivoltando e rivoltando carte e fatti, sinceramente se manca l’aria condizionata nei Tribunali non coglie la mia attenzione.
    Forse l’OCF dovrebbe occuparsi dei giudici e di certi colleghi…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube