Diritto e Fisco | Articoli

Posso rinnovare la carta d’identità prima della scadenza?

17 Gennaio 2020 | Autore:
Posso rinnovare la carta d’identità prima della scadenza?

Come funziona il rinnovo del documento elettronico di riconoscimento? Di quanto si può anticipare? Si deve prendere appuntamento?

Con tutti i documenti che ti trovi in casa e nel portafoglio, è facile che prima o poi ti dimentichi di rinnovarne qualcuno. Già ricordarsi tutte le scadenze è dura, a meno di avere una costanza di ferro per segnarle su un’agenda e per ricordarsi di guardare quotidianamente l’agenda. C’è di buono che, per quanto riguarda la patente e la carta d’identità, lo Stato è venuto incontro ai più smemorati, facendo coincidere la scadenza con il giorno di nascita del titolare del documento: si presume che uno si ricordi di quando compie gli anni. Può capitare, però, che proprio in quel periodo tu debba assentarti dal tuo Comune di residenza per vacanza o per lavoro. Ecco che, allora, ti chiederai: «Posso rinnovare la carta d’identità prima della scadenza?».

Va da sé che dopo la scadenza è assolutamente sconsigliato: in caso di necessità, non avere un documento di identità valido può essere un grosso problema. Ecco perché può essere conveniente avere un margine più o meno ampio per rinnovare la carta d’identità prima della scadenza in modo da andare sul sicuro. Ad esempio, se nel periodo in cui scade il documento devi prendere un aereo per andare all’estero e rischi cdi partire con la carta d’identità valida e di presentarti in aeroporto per il ritorno con il documento scaduto. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul rinnovo della carta d’identità.

Carta d’identità: a che serve?

La carta d’identità è uno dei principali documenti di identificazione del cittadino. Oggi, viene rilasciata dal Comune di residenza in versione elettronica, dal formato simile a quello della nuova patente. Si tratta, quindi, di un documento che certifica l’identità del titolare ai fini di polizia, come recita la vecchia legge che lo mise in circolazione [1].

La carta d’identità elettronica, rispetto a quella cartacea che ancora qualcuno ha in tasca e che verrà sostituita alla scadenza, tenta di raggiungere due scopi. Da una parte, alzare il livello di sicurezza contro la contraffazione del documento. Il tesserino integra le impronte digitali del cittadino ed i certificati digitali del ministero dell’Interno. Inoltre, l’erogazione del documento è centralizzata e non più dislocata nei singoli Comuni.

L’altro obiettivo che lo Stato si è posto introducendo la carta d’identità elettronica è quello di consentire ai cittadini di accedere online ai servizi della Pubblica Amministrazione utilizzando proprio questo documento informatico. Ovviamente, quando la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione sarà stata completata: ad oggi il sistema non è funzionante al 100%.

La carta d’identità viene rilasciata sia ai cittadini italiani sia a quelli stranieri (comunitari o extracomunitari) anche se questi ultimi non possono utilizzarla per l’espatrio: dovranno usare i documenti rilasciati dai loro Paesi d’origine. La carta italiana, però, è valida per loro all’interno del territorio nazionale per qualsiasi tipo di pratica.

Carta d’identità: quando scade?

Come si diceva all’inizio, per venire incontro ai più smemorati lo Stato ha deciso di far coincidere la scadenza della carta d’identità con il giorno di nascita del titolare del documento. Data che dovrebbe essere facilmente memorizzabile. Con un piccolo sforzo, ci si ricorda pure l’anno.

Di norma, la validità della carta d’identità è di 10 anni dalla data di rilascio, che si riducono a 3 o a 5 anni per i minorenni. In particolare è valida:

  • per 3 anni se il titolare ha un’età inferiore ai 3 anni;
  • per 5 anni se il titolare ha un’età da 3 a 18 anni.

Carta d’identità: quando si può rinnovare?

Le agevolazioni per non dimenticarsi di rinnovare la carta d’identità non si limitano a far coincidere data di scadenza e data di nascita. Infatti, non serve arrivare proprio a ridosso del giorno in cui il documento perderà di validità ma si potrà rinnovare prima della scadenza. Esattamente fino a 180 giorni prima.

E se, nonostante tutto, lasci passare quel giorno senza fare il rinnovo? Hai ancora un notevole margine di tempo. Dopo la scadenza del documento, infatti, hai altri sei mesi di tempo per metterti in regola. Dopodiché, dovrai chiederne uno nuovo.

Carta d’identità: come si rinnova?

Per rinnovare la carta d’identità elettronica anche prima della scadenza è necessario prendere appuntamento presso l’ufficio anagrafe del Comune di residenza. La prenotazione può essere fatta anche online.

Occorre presentare in Comune questi documenti.

Per i maggiorenni:

  • tre fotografie uguali e recenti in formato tessera;
  • il modulo con i dati anagrafici (reperibile in Comune o scaricabile dal suo sito Internet);
  • la carta d’identità in scadenza;
  • un altro documento di riconoscimento nel caso in cui la vecchia carta sia deteriorata a tal punto da non consentire l’identificazione.

Il costo per il rinnovo della carta d’identità elettronica è di 16,79 euro più altri 5,42 euro di diritti di segreteria se previsti.

Chi non riesce a muoversi da casa perché disabile o per qualsiasi altro giustificato motivo, può richiedere il rinnovo tramite il servizio anagrafico a domicilio.

I minorenni possono rinnovare la carta d’identità purché accompagnati dai genitori (con i loro rispettivi documenti di riconoscimento) e presentando:

  • tre fotografie uguali e recenti in formato tessera;
  • un documento di riconoscimento in mancanza del quale il minore deve essere identificato dai genitori o da uno di loro e da un altro cittadino maggiorenne come testimone;
  • il modulo di richiesta del rinnovo per minorenni.

La carta d’identità elettronica arriverà a casa per raccomandata entro sei giorni lavorativi.

note

[1] RD n. 635/1940.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube