Diritto e Fisco | Articoli

Cosa rischio senza assicurazione?

8 Febbraio 2020
Cosa rischio senza assicurazione?

Conseguenze della circolazione di veicoli privi di polizza assicurativa. 

Ti sei messo alla guida della tua macchina per tornare a casa dopo una lunga giornata di lavoro. Ad un tratto, noti una pattuglia delle Forze dell’Ordine che ti intima di fermarti. Accosti l’auto e il carabiniere ti chiede di fornirgli patente e libretto.

Dopo un controllo, l’agente ti riferisce che la tua auto non è coperta da assicurazione. Cerchi di spiegare che hai sempre pagato e che probabilmente si è trattato di una semplice dimenticanza. La legge, però, non ammette giustificazioni e sanziona severamente la circolazione di veicoli non assicurati. Il motivo è semplice: è pericoloso per sé ma anche per gli altri.

Non sai quali saranno le conseguenze della tua sbadataggine, sei preoccupato e pensi: Cosa rischio senza assicurazione? Niente paura, te lo spiego dettagliatamente in questo articolo.

Assicurazione veicoli: cos’è e a cosa serve

L’assicurazione (anche detta polizza RC) è un contratto che un soggetto stipula con una determinata compagnia assicurativa al fine di liquidare i danni materiali e fisici involontariamente causati a terzi o a cose durante la circolazione del proprio veicolo.

In pratica, se ti capita di causare un incidente stradale e la tua macchina è assicurata non avrai problemi perchè non sarai tu a pagare i danni, ma la tua compagnia di assicurazione che liquiderà una determinata somma al danneggiato secondo limiti ben precisi fissati nel contratto.

Assicurazione scaduta: cosa fare?

In passato, la polizza si rinnovava tacitamente, vale a dire in automatico. Oggi, invece, l’assicurazione si estingue giunta alla sua scadenza naturale. Pertanto, prima della scadenza della polizza – e comunque non oltre i famosi 15 giorni di tolleranza – devi stipulare per legge una nuova polizza con la stessa compagnia (o con un’altra, a tuo piacimento) altrimenti il veicolo non potrà circolare.
Quindi occorre prestare molta attenzione, anche se la compagnia assicurativa è solita inviare, in prossimità della scadenza, un’avviso all’assicurato per procedere al rinnovo.

Assicurazione scaduta: periodo di tolleranza

Forse non sai che una volta scaduta l’assicurazione del tuo veicolo puoi ancora circolare liberamente, senza commettere alcuna infrazione, per altri 15 giorni (c.d. periodo di tolleranza). In buona sostanza, per i primi 15 giorni successivi alla scadenza, il veicolo è ancora coperto dalla polizza assicurativa.

Attenzione però: il periodo di tolleranza di 15 giorni vale esclusivamente in Italia e non si applica per le assicurazioni temporanee di durata inferiore a quella annuale.

Sappi che una volta scaduta l’assicurazione (e i 15 giorni di tolleranza) sarai comunque tenuto a parcheggiare il mezzo in un luogo privato (ad esempio, in un garage o un cortile privato). In caso contrario, verrai multato per aver lasciato l’auto, senza un regolare contrassegno, in una strada pubblica oppure in un’area aperta al pubblico.

Cosa rischio senza assicurazione?

La legge vieta la circolazione o la sosta in strade pubbliche (o aperte al pubblico) di veicoli sprovvisti di assicurazione. Pertanto, se vieni sorpreso alla guida di un veicolo non assicurato rischi di subire:

  • una sanzione amministrativa da 849 euro a 3.396 euro che si riduce se pagata entro 15 giorni. In alternativa, per ottenere la riduzione dell’importo puoi comunicare all’organo che ha accertato l’infrazione la volontà di procedere alla demolizione del veicolo;
  • la decurtazione di cinque punti dalla tua patente di guida;
  • il sequestro del veicolo nell’immediatezza dell’infrazione. In buona sostanza, le Forze dell’ordine ordineranno che il veicolo venga prelevato con il carro attrezzi, trasportato e depositato in un luogo privato (ad esempio un box auto) non sottoposto quindi a pubblico passaggio. Il luogo in cui depositare il veicolo non assicurato è indicato dalle Forze dell’Ordine ma può essere concordato con il proprietario che, ovviamente, sarà tenuto anche al pagamento delle spese.

Cosa succede se vengo beccato due volte senza assicurazione?

Se violi due volte l’obbligo di assicurazione andrai incontro a conseguenze ancora più severe, quali:

  • una sanzione amministrazione da 1.736 euro a 6.942 euro;
  • la sospensione della patente di guida da uno a due mesi;
  • il fermo amministrativo per 45 giorni: vuol dire che il tuo veicolo non potrà essere utilizzato fino a quando non pagherai l’assicurazione. Il termine di 45 giorni decorre dal giorno del pagamento della sanzione prevista.

Falsificazione dell’assicurazione

Se vieni sorpreso con un’assicurazione falsa o contraffatta, rischi inoltre:

  • una sanzione che va da 868,00 euro a 3471,00 euro;
  • la sospensione della patente di guida per un anno;
  • la confisca del veicolo;
  • la decurtazione di cinque punti dalla patente di guida.

Sequestro del veicolo non assicurato: cosa fare?

Se vuoi rientrare in possesso del veicolo sequestrato e tornare a circolare devi pagare:

  • la sanzione inflitta, anche a rate. In tal caso devi presentare un’istanza alla Prefettura entro 60 giorni dalla contravvenzione, avendo cura di allegare un’autocertificazione che attesti la tua situazione economica;
  • la polizza assicurativa per un periodo di almeno sei mesi;
  • il costo per il prelievo, il trasporto e la custodia del mezzo sequestrato.

Attenzione: se non paghi la multa e non proponi ricorso (al prefetto oppure al giudice di pace), il veicolo verrà confiscato, cioè diventerà proprietà dello Stato.

Auto non assicurata: cosa fare in caso di incidente?

Se un soggetto con veicolo non assicurato provoca un’incidente stradale sarà tenuto a risarcire personalmente i danni causati a persone e cose. In tal caso, è opportuno compilare il modulo di constatazione amichevole (c.d. CID) per avere i dati della controparte e di eventuali testimoni, oltre a ricostruire la dinamica del sinistro. Ma per ottenere il risarcimento danni per un incidente causato da un veicolo sprovvisto di polizza, occorre compilare e firmare un apposito modulo e inviarlo, tramite raccomandata A/R o pec, all’autorità territorialmente competente del sinistro e alla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici). Nel modulo è importante indicare:

  • i dati anagrafici del proprietario del veicolo e del conducente (qualoria si tratti di due persone diversi, si pensi ad esempio all’auto guidata dal figlio ma di proprietà del padre);
  • la dinamica esatta del sinistro;
  • se a causare l’incidente sia stato un veicolo non assicurato o con assicurazione scaduta;
  • la compagnia assicurativa del veicolo danneggiato;
  • l’eventuale intervento di polizia, carabinieri o altre forze dell’ordine;
  • la targa, la marca e il modello dei veicoli coinvolti nel sinistro;
  • la data, il luogo e l’orario dell’incidente;
  • la descrizione dei danni riportati, sia a cose che a persone;
  • l’ammontare del danno materiale, allegando fatture o preventivi;
  • l’entità di eventuali lesioni personali, tramite certificato medico.

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada: quali danni copre?

Se provochi un incidente stradale con un veicolo non coperto da polizza assicurativa sarai soggetto alla rivalsa del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada: in sostanza, il Fondo si rivarrà sul responsabile del sinistro (il quale ne risponderà con il proprio patrimonio). In particolare, il Fondo di garanzia copre i seguenti sinistri:

  • con veicolo senza assicurazione: in tal caso, puoi chiedere risarcimento per danni a cose o persone;
  • con veicolo non identificato: puoi chiedere solo il risarcimento per danni alle persone o per danni materiali solo se a causa del sinistro la persona abbia subito una lesione grave tale da provocargli un’invalidità permanente;
  • con veicolo spedito in Italia da un altro Stato europeo. Per ottenere il risarcimento, occorre che l’incidente sia avvenuto dopo la data di consegna del veicolo e nei 30 giorni successivi.

In pratica, funziona così: il Fondo Vittime della Strada sceglie un’assicurazione che provvederà al risarcimento dei danni causati dall’auto non coperta da polizza assicurativa e chiederà poi il rimborso dei danni (liquidati al danneggiato) al conducente non del veicolo non coperto dall’assicurazione.

Incidente senza assicurazione: se ho ragione?

Qualora tu sia rimasto coinvolto in un sinistro e non hai nessuna colpa, hai comunque diritto ad ottenere il risarcimento dall’assicurazione del responsabile. Ciò vale anche nel caso in cui ti trovassi alla guida di un veicolo non coperto da polizza.

Ad esempio, si pensi al conducente di un auto non assicurata che viene tamponato. In tal caso, la richiesta di risarcimento non dovrà essere inoltrata – come accade solitamente – alla propria assicurazione, come nel caso del c.d. risarcimento diretto, ma dovrà essere presentata direttamente alla compagnia del conducente responsabile.

In conclusione, anche il veicolo non assicurato ha diritto al risarcimento del danno ma solo ed esclusivamente se non è responsabile del sinistro. Ragionando al contrario, se tamponi un’auto non assicurata, la tua assicurazione dovrà risarcire i danni causati al veicolo e al conducente non assicurato.

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada: massimali e tempistiche

Il risarcimento danni da parte del Fondo è soggetto a dei limiti ben precisi (detti anche massimali).A partire dal giugno 2012, i massimali sono fissati in euro 5.000.000 per i danni personali ed in euro 1.000.000 per i danni materiali.
Il diritto ad ottenere il risarcimento dei danni da parte del Fondo è soggetto a prescrizione di:

  • 2 anni che decorrere dal giorno dell’incidente stradale;
  • 10 anni se il sinistro ha provocato la morte di una o più persone.

La compagnia assicurativa che deve liquidare i danni attraverso il Fondo di Garanzia dovrà presentare un’offerta di risarcimento al danneggiato entro 60 giorni. Nel caso in cui la compagnia ritenga che non sia dovuto alcun risarcimento dovrà comunicare i motivi al danneggiato.

Posso segnalare un veicolo non assicurato?

Se sei a conoscenza di veicoli sprovvisti di assicurazione puoi fare una segnalazione alle autorità, anche in forma anonima, recandoti presso un qualsiasi comando dei Vigili Urbani. La segnalazione può essere fatta anche via e-mail indicando:

  • il luogo in cui si trova il veicolo non assicurato;
  • targa, marca e modello del veicolo;
  • il nome del proprietario e il suo indirizzo di residenza.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube