Le forze di Polizia avranno il taser

17 Gennaio 2020
Le forze di Polizia avranno il taser

Approvato dal Cdm il regolamento d’uso del taser: presto le forze dell’ordine avranno in dotazione la pistola elettrica; ma i sindacati chiedono un’integrazione.

Il taser arriverà presto nella dotazione delle forze di Polizia: dopo una sperimentazione durata quasi un anno nelle principali città, oggi il Consiglio dei ministri ha approvato il regolamento che ne disciplina l’uso. Così gli agenti di pattuglia sulle strade e impegnati nei servizi di ordine pubblico avranno la nuova pistola a impulsi elettrici per immobilizzare le persone sospette, bloccando i movimenti degli eventuali malintenzionati. Ce ne informa l’agenzia stampa Adnkronos.

Per diventare effettiva, la norma dovrà ora passare al vaglio del Consiglio di Stato e poi tornare in Consiglio dei ministri per ottenere l’approvazione definitiva. Da quel momento potrà entrare nel corredo di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, oltre che degli altri Corpi autorizzati, come quelli di Polizia municipale.

L”impiego del taser “dovrà sempre avvenire nel rispetto delle necessarie cautele per la salute e l’incolumità pubblica e secondo principi di precauzione condivisi con il ministro della Salute, risultanti dalle linee guida per l’utilizzo approvate prima dell’avvio della sperimentazione”, spiega la relazione illustrativa corredata al regolamento.

Le prime reazioni dei sindacati al provvedimento in arrivo non sono, però, integralmente positive: “Prendiamo atto del positivo esito della sperimentazione legata al Taser. Non è ancora chiaro però se il parere
preliminare approvato dal Consiglio dei Ministri, con successivo passaggio al Consiglio di Stato, tenga davvero conto di due diritti inalienabili che vanno bilanciati: la sicurezza dell’operatore di polizia e quella del cittadino”. Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil.

“In particolare – dice Tissone – occorre un parere vincolante del ministero della Salute e soprattutto un protocollo operativo che dica con chiarezza come e quando usare la pistola elettrica, in quali circostanze. Un parere che non ci è mai stato fornito nonostante l’avessimo richiesto. Perché se è pur vero che vi sono attestazioni di non lesività di questo strumento, prodotte però dalle case costruttrici, è altrettanto certo che esistono vari studi indipendenti che  affermano il contrario”.

“Tutto questo perché – conclude Tissone – nel nostro ordinamento giuridico, che ci piaccia o meno, la responsabilità penale è sempre personale e nessuno può garantire che non ci siano conseguenze per l’operatore di polizia se dovessero verificarsi lesioni gravi o mortali a causa dell’utilizzo della pistola elettrica. Stare realmente e concretamente dalla parte dei poliziotti significa anche questo, non cedere alla facile demagogia che rischia solo di danneggiare l’operatore in divisa”.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube