Tumori: quanto si sopravvive dopo la diagnosi?

17 Gennaio 2020
Tumori: quanto si sopravvive dopo la diagnosi?

I dati dell’ultimo rapporto Ocse sulle percentuali di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi per i tipi di cancro più diffusi in Italia e in Europa.

L’Italia ‘brilla’ quanto a tassi di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di cancro: sono  più elevati rispetto alla media europea, nonostante le percentuali di screening nel nostro Paese siano relativamente basse. Lo rileva l’ultimo rapporto ‘State of Health in the EU: Italy. Country Health Profile 2019’ dell’Ocse, discusso oggi in un evento organizzato a Bari; l’agenzia stampa Adnkronos ci ha fornito i contenuti di interesse.

C’è una notizia confortante: nonostante i livelli di screening relativamente bassi – evidenzia l’Ocse – i tassi di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di queste ed altre malattie oncologiche sono leggermente più alti in Italia rispetto ad altri Paesi dell’Ue. Ecco di seguito i dati per le più diffuse patologie. In particolare, per il cancro alla prostata nel nostro Paese la sopravvivenza è del 90% contro una media europea dell’87%. Per il tumore ai polmoni è del 16% in Italia e del 15% in Europa, per la neoplasia al seno il tasso di sopravvivenza a 5 anni nel nostro Paese è dell’86% a fronte dell’83% della media Ue, per il tumore al colon è il 64% in Italia ed il 60% in Europa.

Nell’ultimo decennio sono stati messi in atto diversi piani nazionali di screening per potenziare la diagnosi precoce dei tumori più comuni, ossia al seno, al collo dell’utero e al colon-retto. Sebbene i programmi siano offerti a titolo gratuito ai segmenti della popolazione cui sono destinati, la copertura rimane limitata.

Nel 2017, solo il 60% circa delle donne della fascia di età tra i 50 e i 69 anni si era sottoposto a screening per il tumore al seno nei 2 anni precedenti, una percentuale prossima alla media Ue del 61%. I tassi di screening per il cancro al collo dell’utero sono molto più bassi: solo il 40% circa delle donne di età compresa tra 20 e 69 anni si è sottoposto a screening negli ultimi 3 anni, rispetto alla media dell’Ue del 66%.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube