Inflazione: ecco dove incide di più

20 Gennaio 2020
Inflazione: ecco dove incide di più

Analizzati i dati Istat per scoprire le voci in cui si annidano i maggiori rincari che pesano sulle spese degli italiani: ci sono diverse sorprese.

L’inflazione, cioè l’aumento dei prezzi al consumo per i beni che acquistiamo, è la tradizionale nemica dei portafogli degli italiani. Quando cresce, con la stessa somma disponibile possiamo comprare meno cose. Gli ultimi dati Istat relativi a dicembre 2019 e all’intero anno da poco concluso hanno evidenziato un leggero aumento su base mensile e un dimezzamento su base annua; ma quello che conta davvero è sapere su quali beni, prodotti e servizi l’inflazione incide di più e capire dunque cos’è che ci interessa da vicino che è aumentato, anziché limitarci a conoscere un dato generale che ha poco significato.

Ora il Codacons ha analizzato voce per voce i dati diffusi dall’Istat relativi all’andamento dei prezzi nel 2019 e la nostra agenzia stampa Adnkronos ci ha comunicato i dati dell’elaborazione. Non sono tutti confortanti, ma ci sono anche buone notizie: nell’anno trascorso i costi per la casa sono aumentati di circa 140 euro a famiglia, mentre le spese per i vari servizi di comunicazione – come la telefonia ed internet – sono diminuite, offrendo un risparmio di quasi 60 euro (precisamente 57,4) per la famiglia ‘tipo’,  che arrivano ad 80 euro per le famiglie composte da una coppia con due figli.

I rincari per la casa comprendono le spese necessarie per le forniture di elettricità, acqua e combustibili: l’aumento è di 140,8 euro in più rispetto all’anno precedente, con un aggravio che sfiora i +150 euro se si considera un nucleo familiare con due figli.

Il Codacons sottolinea che non tutte le voci che compongono il paniere sono però cresciute allo stesso modo: ad esempio per vestirsi una coppia con due figli ha speso lo scorso anno appena 7,1 euro in più rispetto al 2018, grazie ai prezzi quasi fermi nel comparto abbigliamento e calzature (+0,3%). La stessa famiglia ha però pagato 31 euro in più per mangiare fuori e consumare pasti in bar e ristoranti (+1,3%).

E se crolla la spesa per le comunicazioni (-80,1 euro nel 2019), il Codacons evidenzia che nell’ambito dei trasporti, per muoversi e spostarsi, le tariffe ed i prezzi in aumento dello 0,8% hanno prodotto un maggior esborso di +44,7 euro su base annua. È andata invece bene per l’alimentazione, voce che assorbe il 18% della spesa annua delle famiglie: per mangiare una famiglia ”tipo” ha speso appena 44,3 euro in più rispetto al 2018, aggravio che sale a +61 euro per una coppia con due figli, conclude il Codacons.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube