HOME Articoli

Lo sai che? Le spese di notifica delle cartelle esattoriali: sono a carico del debitore?

Lo sai che? Pubblicato il 6 settembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 6 settembre 2013

Le spese postali delle cartelle Equitalia vengono sempre addebitate a carico del debitore: ma è giusto scaricarle sul contribuente e, peraltro, in una misura così elevata?

Le cartelle di pagamento (le classiche buste bianche notificate da Equitalia) contengono, oltre al dettaglio dei tributi da pagare, anche una voce fissa: € 5,88 a titolo di “diritto di notifica”.

 

Di che si tratta?

Altro non è che il rimborso delle spese di notifica, ossia quelle postali sostenute dal soggetto notificante (l’agente per la riscossione). E, non poche volte, al contribuente infastidisce più questa voce che non tutto l’elenco che di tasse da pagare nella cartella.

Dunque, rispondiamo subito al quesito principale: che non è tanto “se è giusto o non giusto” far pagare tali spese al contribuente, ma “cosa prevede la legge” a riguardo.

La legge [1] a riguardo prevede che le spese di notifica della cartella di pagamento siano a carico del debitore nella misura di lire seimila; tale importo può essere aggiornato con decreto del Ministero delle finanze (….)”

Ebbene, l’ultimo decreto ministeriale, che risale al 2007 [2], ha elevato tale importo ad euro 5,88. Pertanto, la richiesta di pagamento formulata da Equitalia non è una pretesa indebita, ma trova la sua fonte nella stessa legge dello Stato.

Si tratta, in particolare, di un rimborso di spesa. E qui viene il bello. Che succede se la spesa sostenuta dal riscossore per la raccomandata è inferiore a 5,88 euro? È giusto far pagare sempre, al debitore, la misura massima consentita dalla legge o piuttosto bisognerebbe imputare quella effettivamente sostenuta (il costo delle raccomandate è in media di 4,30 euro)?

note

[1] Art. 17, comma 7-ter, del D.lgs. 13 aprile 1999, n.112, in Gazzetta Ufficiale n. 97 del 27 aprile 1999, intestato: “Riordino del servizio nazionale della riscossione, in attuazione della delega prevista dalla legge 28 settembre 1998, n. 337”.

[2] DM 13.06.2007.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. E’ normale pagare 30 euro circa di spese aggiuntive agli interessi di mora di una rata di 245 euro pagata con un ritardo di 15 giorni? Grazie per la risposta…

  2. Salve, se la cartella esattoriale è stata inviata al contribuente via PEC è giusto far pagare le spese di notifica?
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI