Colf, badanti e baby sitter: arriva la patente di qualità

20 Gennaio 2020
Colf, badanti e baby sitter: arriva la patente di qualità

Una nuova norma tecnica Uni prevede la possibilità per i lavoratori domestici di ottenere, previo superamento di un esame, la certificazione delle competenze necessarie.

Oggi, si è tenuto a Genova un incontro sul lavoro domestico, coorganizzato da Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, e Idos, il centro studi e ricerche che ogni anno elabora e pubblica il Dossier statistico immigrazione, ed è emerso che troppo spesso colf, badanti e baby sitter – un popolo di 2 milioni di addetti, di cui il 70% sono stranieri – sono sprovvisti di un’adeguata preparazione professionale.

Nei lavori è stato dedicato un approfondimento specifico alla nuova norma tecnica Uni 11766:2019, che introduce in Italia la possibilità per i domestici di ottenere una ‘patente‘ di qualità che certifichi conoscenze, abilità e competenze; tutto ciò in accordo con il quadro europeo delle qualifiche l’European qualifications framework-Eqf.

“Sebbene – dichiara Alessandro Lupi, vicepresidente Assindatcolf e vicepresidente Ebincolf, ente bilaterale del comparto che insieme alle parti sociali ha promosso la normativa – siano chiamati ad occuparsi della parte più fragile della società, ovvero della casa, degli anziani, dei bambini, dei malati e dei disabili, nella maggior parte dei casi ai domestici non sono richieste specifiche competenze“.

“Un paradosso che – spiega – vogliamo invertire con l’entrata in vigore della nuova norma tecnica Uni, che colma un vuoto legislativo, poiché in Italia non esisteva un sistema di riconoscimento e di certificazione delle competenze degli assistenti familiari, una delle professioni non regolamentate disciplinate dalla legge quadro 4/2013″.

Da oggi, invece, ricorda, “colf, badanti e baby sitter potranno accedere, su base volontaria, a un esame per ottenere la patente di qualità, con l’obbligo, tra gli altri requisiti, di sottoscrivere un codice deontologico: 9 regole di comportamento da tenere in casa, a partire dal rispetto della privacy della famiglia“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube