L’esperto | Articoli

Tossicodipendenza: ultime sentenze

2 Febbraio 2020
Tossicodipendenza: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: valutazione dello stato di tossicodipendenza e condizione di tossicodipendenza; affidamento in prova al servizio sociale richiesto per ragioni terapeutiche; incapacità di intendere e di volere del soggetto.

Tossicodipendente e consumatore abituale: differenze

In tema di stupefacenti, la nozione di tossicodipendente non coincide con quella di consumatore abituale, trattandosi di categorie distinte, aventi autonomo riconoscimento normativo, in quanto l’accertamento dell’uso abituale costituisce condizione essenziale, ma non sufficiente per la diagnosi della tossicodipendenza.

(Fattispecie in cui la Corte ha evidenziato che le certificazioni del Ser.T,, successive all’arresto del ricorrente, non documentando l’accertamento dell’uso abituale e non indicando né la tipologia di stupefacente di cui il predetto sarebbe stato assuntore, né gli elementi clinici dimostrativi della dipendenza patologica, non potevano provare la condizione di tossicodipendenza).

Cassazione penale sez. VI, 24/10/2018, n.54068

Valutazione dello stato di tossicodipendenza

L’ordinanza di rigetto che ometta di considerare la prospettata condizione di tossicodipendenza risulta carente di motivazione rispetto ad un indice normativamente previsto dall’art. 671 c.p.p., comma 1, ultimo periodo. Invero, la disposizione normativa in rilievo (“Fra gli elementi che incidono sull’applicazione della disciplina del reato continuato vi è la consumazione di più reati in relazione allo stato di tossicodipendenza”) vincola il giudice a prendere in esame lo stato di tossicodipendenza all’epoca dei reati, che sia stato allegato dall’istante e risulti provato.

Cassazione penale sez. I, 26/03/2019, n.25205

Tossicodipendenza: può giustificare l’unicità del disegno criminoso?

In tema di reato continuato, a seguito della modifica dell’art. 671, comma 1, c.p.p. ad opera della l. 21 febbraio 2006, n. 49, lo stato di tossicodipendenza, pur non comportando automaticamente il riconoscimento dell’unicità del disegno criminoso, può giustificarlo con riguardo ai reati che siano collegati e dipendenti a tale stato, sempre che ricorrano anche le altre condizioni individuate dalla giurisprudenza per la sussistenza della continuazione.

Cassazione penale sez. II, 21/03/2019, n.22493

Militare: sanzione destitutoria per assunzione di stupefacenti

Non è né illogica né irragionevole la scelta dell’Amministrazione di infliggere la sanzione destitutoria al militare che risulti aver fatto uso di stupefacenti, trattandosi di condotta inammissibile ed incompatibile con lo status ricoperto; ed infatti la sola assunzione di stupefacenti da parte del militare pregiudica la relazione fiduciaria dell’Amministrazione di appartenenza con lui, costituisce grave violazione degli obblighi assunti con il giuramento prestato e rende del tutto irrilevante qualunque considerazione circa gli esiti negativi di altri accertamenti, sub specie di assenza di sintomi di tossicodipendenza e/o attestazioni di idoneità psico-fisica al servizio.

T.A.R. Palermo, (Sicilia) sez. I, 23/09/2019, n.2228

Nesso di causalità tra condotte estorsive e suicidio della vittima

In tema di morte quale conseguenza di altro delitto, sussiste il nesso di causalità tra le condotte estorsive e il suicidio della vittima quando questo non sia espressione della libera scelta del soggetto, bensì venga ritenuto quale unica alternativa percorribile a fronte dell’impossibilità di sottrarsi alle condotte estorsive degli imputati.

(Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto sussistente la prevedibilità in concreto del rischio dell’evento suicidiario, in ragione della fragilità psichica della giovane vittima degli estorsori, dello stato di tossicodipendenza e della profonda prostrazione determinata dalle gravi e reiterate minacce, nonché del fatto che il suicidio si era verificato a distanza di poche ore dall’ultima telefonata estorsiva).

Cassazione penale sez. VI, 04/04/2019, n.38060

Alterazione psicofisica dell’automobilista

La revisione della patente di guida può essere disposta in relazione a qualsiasi fatto che dia adito a dubbi sulla persistenza nei conducente dei requisiti necessari a condurre veicoli a motore e, pertanto, non presuppone necessariamente l’accertamento di una violazione delle norme sul traffico o di una disposizione penale o civile ma qualunque episodio che giustifichi un ragionevole dubbio sulla persistenza dell’idoneità psicofisica o tecnica del conducente, attesa la natura cautelare del provvedimento e della norma che lo sostiene.

(Nella specie, in assenza di una specifica violazione delle norme del codice della strada, la condizione di alterazione psicofisica del ricorrente, la sua reazione abnorme, la furia incontrollata e la conoscenza del soggetto e dei suoi precedenti di tossicodipendenza e di alcolismo erano tali da giustificare l’adozione del provvedimento).

T.A.R. Milano, (Lombardia) sez. I, 11/03/2019, n.512

Revoca della patente: persona sottoposta alla misura di prevenzione

La domanda volta a denunciare l’illegittimità del provvedimento di revoca della patente di guida, reso dal Prefetto nei confronti di una persona sottoposta alla misura di prevenzione si ricollega ad un diritto soggettivo, e, pertanto, in difetto di deroghe ai comuni canoni sul riparto della giurisdizione, spetta alla cognizione del giudice ordinario. Né a differente conclusione può pervenirsi in ragione della pronuncia della Corte Costituzionale 9 febbraio 2018 n. 22, considerato che gli effetti della citata sentenza sono limitati soltanto al caso della revoca della patente disposta nei confronti del condannato per reati di cui agli artt. 73 e 74 del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza) e non possono, quindi, estendersi anche al diverso caso della revoca disposta nei confronti del sottoposto alla misura di prevenzione.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. I, 26/08/2019, n.2069

Droghe pesanti

È costituzionalmente illegittimo, per violazione degli artt. 3 e 27 Cost., l’art. 73, comma 1, d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza), nella parte in cui prevede la pena minima edittale della reclusione nella misura di otto anni anziché di sei anni. (La Corte ha invece ritenuto inammissibile la questione relativa alla medesima norma censurata con riferimento all’art. 25, comma 2, Cost.).

Corte Costituzionale, 08/03/2019, n.40

Tossicodipendenza: l’affidamento in prova ai servizi sociali

In tema di affidamento in prova al servizio sociale, richiesto per ragioni terapeutiche a norma dell’art. 94 d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, il tribunale di sorveglianza, chiamato a verificare, per l’applicazione della misura, il presupposto soggettivo dello stato di tossicodipendenza o di alcool dipendenza certificato da struttura sanitaria pubblica, può motivatamente escluderne la sussistenza quando l’accertamento risulti effettuato a distanza di tempo dall’ingresso in carcere e sulla base delle sole dichiarazioni del detenuto, non risultando alcuna precedente conoscenza dello stesso da parte dei servizi di tossicodipendenza ed emergendo, inoltre, l’assenza di terapie di sostegno o di supporto e di segni fisici di intossicazione ed astinenza, nonché l’assenza di prove cliniche, al momento della carcerazione, rivelanti i metaboliti prodotti dal consumo dello stupefacente.

Cassazione penale sez. I, 12/02/2019, n.13651

Assunzione saltuaria di stupefacenti

In tema di affidamento in prova al servizio sociale richiesto per ragioni terapeutiche, ai sensi dell’art. 94 del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, non è configurabile una condizione di tossicodipendenza in caso di assunzione saltuaria di sostanze stupefacenti, che non dia luogo ad un consumo abituale, o almeno continuativo, idoneo a consolidare la condizione di dipendenza.

Cassazione penale sez. I, 05/11/2018, n.317

Pazienti con problemi di tossicodipendenza 

In relazione a pazienti con problemi psichiatrici o di tossicodipendenza, la configurabilità di un particolare dovere di sorveglianza a carico del personale sanitario addetto al reparto, e della conseguente responsabilità risarcitoria per i danni provocati al ricoverato o dal ricoverato, presuppone la prova della concreta, e non presunta, incapacità di intendere o di volere del soggetto. Pertanto, il suddetto obbligo sussiste in ogni ipotesi, e la diversità di giudizio può incidere unicamente sulle modalità del suo adempimento a seconda dei casi che si presentano.

Cassazione civile sez. III, 19/07/2018, n.19189



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

8 Commenti

  1. Nessuno sconto della pena per il tossicodipendente che, in crisi di astinenza, abbia commesso un crimine. Infatti, la cosiddetta “causa di giustificazione” dello stato di necessità, prevista dal nostro codice penale, non si può applicare nei casi in cui il reo avrebbe potuto impedire il proprio crimine evitando di porsi “volontariamente” nella situazione di incapacità.

  2. Vi racconto la storia di un mio amico che era agli arresti domiciliari, veniva condannato per essere uscito di casa in piena crisi di astinenza al fine di di procurarsi lo stupefacente, situazione da lui non volontariamente causata. Invece, secondo i giudici, il tossico, in caso di emergenza, ben poteva avvalersi dell’intervento del 118 o, in alternativa, dell’attivazione della prescrizione del metadone attraverso il medico curante per poi chiedere al giudice competente l’autorizzazione di recarsi in visita presso il Servizio per le tossicodipendenze per le cure e le terapie del caso.

  3. La legge, per evitare che si possa finire in carcere per condanne non elevate, ha previsto alcune misure alternative alla detenzione: tra queste c’è l’affidamento in prova, che consiste nella possibilità, per colui che debba scontare una pena (o un residuo di pena) non superiore a tre anni di reclusione, di chiedere di essere affidato ai servizi sociali. L’esito positivo del periodo di prova, la cui durata coincide con quella della pena da scontare, estingue la pena ed ogni altro effetto penale.

  4. La legge punisce come reato lo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché tutta una serie di condotte legate alla droga e alla sua cessione; al contrario, non costituisce reato fare un uso personale di stupefacenti: in pratica, se fumi uno spinello per i fatti tuoi non commetti alcun crimine.

  5. L’unico caso, al di fuori di quelli riguardanti l’uso terapeutico e la detenzione eccezionalmente autorizzata dal governo, in cui la detenzione di droga non costituisce reato è quello in cui la sostanza drogante sia posseduta solo per il consumo personale. Classico esempio di droga per uso personale è quello del ragazzo che fuma uno spinello.

    1. Secondo il legislatore italiano, solo lo spacciatore incorre in reato; il tossicodipendente, dal punto di vista della legge penale, può stare tranquillo. Il punto è che, concretamente, non è sempre facile capire se la droga trovata addosso ad una persona sia destinata all’uso personale (perfettamente legale) oppure allo spaccio (che, invece, è reato). Normalmente, per capire se le sostanze rinvenute siano cedute oppure tenute per sé le autorità fanno attenzione ad alcune circostanze, quali:il quantitativo (una grossa dose difficilmente sarà destinata esclusivamente all’uso personale);la presenza di accessori, quali coltellini, carta stagnola, bilancini e altri strumenti che, di solito, sono utilizzati per preparare la droga per la vendita;la presenza di grosse somme di denaro, introiti dello spaccio.

  6. La tossicodipendenza è una piaga che affligge tantissime persone: iniziata semmai come trasgressione o per gioco, l’assunzione di droghe (leggere o pesanti che siano) può diventare ben presto una schiavitù vera e propria, dalla quale è difficile uscirne. Nonostante le tante leggi, la lotta contro la diffusione della droga pare essere persa, tanto che da più parti è stata proposta l’idea di legalizzare almeno l’utilizzo di quelle cosiddette leggere per arginare il fenomeno del narcotraffico.

Rispondi a Redazione Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube