Business | Articoli

Aprire un centro estetico: necessaria la qualifica di estetista

13 Maggio 2014 | Autore:
Aprire un centro estetico: necessaria la qualifica di estetista

Vorrei aprire un mio centro estetico: serve la qualifica di estetista oppure basta la formazione “sul campo”, maturata in anni di lavoro nelle strutture altrui?

La qualifica professionale di estetista è sempre necessaria, anche quando si lavora come dipendente nelle strutture altrui. Nei confronti di chi esercita l’attività di estetista senza i necessari requisiti professionali è prevista una sanzione pecuniaria fino a 2.500 euro [1].

Per acquisire la qualifica, è necessario seguire un percorso teorico-pratico ed un esame finale. Il percorso teorico è più breve per coloro che hanno già acquisito esperienza sul campo. Ecco le possibili opzioni [2]:

1. corso regionale di qualificazione biennale, della durata minima di 1800 ore. Fatto ciò, è necessario partecipare ad un corso di specializzazione della durata di un anno oppure effettuare un anno di inserimento presso un centro estetico;

2. attività di apprendistato presso un centro estetico, cui si aggiunge un corso regionale di 300 ore, seguito da un anno di attività lavorativa come dipendente, a tempo pieno, presso uno studio medico specializzato oppure un centro estetico;

3. tre anni di attività lavorativa a tempo pieno, in qualità di dipendente o collaboratore familiare, presso un centro estetico, seguita dalla frequentazione di corsi regionali di almeno 300 ore per la formazione teorica. I 3 anni di lavoro devono essere svolti non oltre i 5 anni precedenti all’iscrizione ai corsi regionali.

L’attività di estetista è finalizzata alla cura del corpo umano. Per tale motivo, l’esercizio di tale lavoro necessita di conoscenze teorico-pratiche imprescindibili. Ciò nonostante, la crisi economica, miscelata con un modello di società sempre più basato sull’immagine, ha incrementato il fenomeno dell’abusivismo: le estetiste prive di qualifica o che si improvvisano tali sono molto diffuse. È molto frequente sentir dire a una ragazza: “le unghie me le fa a casa una mia amica”. Proprio sulla manicure, la Corte di Cassazione ha precisato che l’applicazione e la decorazione di unghie artificiali per finalità estetiche rientra nell’attività di estetista e non può essere svolta in assenza del titolo abilitativo prescritto dalla legge [3].

La Confestetica, confederazione nazionale degli estetisti, sul proprio sito internet, ha istituito una pagina nella quale è possibile segnalare, in forma anonima, possibili fenomeni di abusivismo, che poi saranno inoltrate alle autorità competenti. Attualmente sono già state inoltrare quasi 1.200 segnalazioni.


note

[1] Art. 12, l. n. 1/90.

[2] Art. 3, l. n. 1/90.

[3] Cass., sent. n. 3244 del 2.03.2012.

 

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube