Tech | Articoli

iPad e iPhone: quanti dubbi sulla garanzia!

24 dicembre 2011 | Autore:


> Tech Pubblicato il 24 dicembre 2011



C’è molta confusione sulla garanzia prevista per iPad e iPhone: questo perché Apple fornisce un solo anno di garanzia mentre la normativa europea prevede che, per difetti di conformità, il venditore debba fornire almeno due anni di garanzia legale.

L’obbligo dei due anni di garanzia legale di conformità è previsto dal Codice del consumo [1]. Esso prevede che il consumatore abbia diritto a 24 mesi di tutela nel caso di difetti o di funzionamento non conforme a quello dichiarato dal venditore. Si tratta di un obbligo nei confronti del venditore e non del produttore il quale, invece, per una sua scelta aziendale, può anche decidere di fornire una garanzia di un solo anno.

Se, quindi, si acquista un prodotto in un negozio, sarà lo stesso negoziante a farsi carico dei due anni di garanzia.

Il problema si pone quando il dispositivo (telefono, tablet, pc o altro) è prodotto e venduto dallo stesso soggetto. L’iPhone e l’iPad, difatti, oltre ad essere acquistabili nelle varie catene d’informatica (come Mediaworld e Trony), lo sono anche direttamente negli Apple Store e sul sito www.apple.it.

Nel caso dell’iPhone, per esempio, l’Apple Store insiste a offrire una garanzia di un anno per la copertura dei costi di riparazione dell’hardware e fino a novanta giorni per l’assistenza tecnica. Opzionalmente, si può acquistare, al prezzo di 69 euro per l’iPhone e di 79 euro per l’iPad, l’AppleCare Protection Plan che estende la copertura sino a due anni dalla data di acquisto.

Si tratta, quindi, di un comportamento quantomeno dubbio perché contrario alla normativa europea. Poco importa se Apple è un’azienda americana o se vende attraverso Internet: se decide di vendere in Italia, deve rispettare le leggi in vigore nel nostro Paese.

In seguito a una denuncia partita da alcuni consumatori del Trentino, l’AGCM ha aperto un’inchiesta proprio nei confronti degli Apple Store. L’istruttoria è ancora aperta e dovrebbe concludersi a breve. Se, come ci si aspetta, il comportamento di Apple dovesse risultare punibile, la Casa di Cupertino potrebbe trovarsi a pagare una multa molto salata.

Situazione analoga si era verificata anche con Amazon che, sul suo store online, aveva inizialmente messo in vendita il Kindle con una garanzia di soli dodici mesi. Tuttavia, il colosso americano, leader nella vendita online di libri, ha poi corretto le informazioni. Apple, invece, continua a rimanere sulle sue posizioni.

Qualora il venditore, che sia Apple o altri, si rifiuti di rispettare i due anni di garanzia legale, il consumatore può segnalare l’abuso all’Antitrust, chiamando il numero verde 800 166661 o inviando per fax, al numero 06/85821256, il modulo disponibile sul sito www.agcm.it.

Per ulteriori approfondimenti è possibile scaricare la Direttiva europea 99/44/CE dal sito http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:31999L0044:IT:NOT.

note

[1] Cfr. artt. 128-133.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI