La web tax diventa mondiale

22 Gennaio 2020
La web tax diventa mondiale

La nuova imposta sui servizi digitali va verso una soluzione globale d’intesa con gli Stati Uniti; i contatti sono già in corso.

Non sarà più solo un’esclusiva italiana la web tax, la nuova tassa sui servizi digitali introdotta dalla legge di Bilancio 2020 che colpisce, al 3%, i servizi digitali forniti dai big di internet, cioè le imprese con ricavi superiori a 750 milioni di cui la quota di incassi per i servizi forniti online supera i 5,5 milioni di euro annui.

Ora, per come ci comunica la nostra agenzia stampa Adnkronos, il governo punta a una soluzione globale. Secondo quanto apprendono le fonti d’agenzia, c’è un dialogo aperto con gli Stati Uniti, si confida che l’incontro dell’inclusive framework previsto la settimana prossima a Parigi faccia registrare progressi verso una soluzione globale che viene ritenuta la più appropriata.

Peraltro, l’imposta italiana – che non dovrà essere versata prima del febbraio 2021 – è già stata disegnata e predisposta per tener conto dell’auspicabile approdo di una soluzione globale. Sulla base di questi elementi proseguirà il “dialogo costruttivo” con gli Stati Uniti.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube