Lifestyle | News

Ascoltare le voci degli antichi defunti ora diventa possibile

23 Gennaio 2020
Ascoltare le voci degli antichi defunti ora diventa possibile

Riprodotta in laboratorio la voce di una mummia di 3 mila anni fa con stampa in 3D: il sacerdote egizio conservava il tratto vocale intatto.

Eccezionale risultato della ricerca britannica: gli scienziati dell’University of London a Royal Holloway hanno riprodotto il suono emesso dal tratto vocale di una mummia egizia di 3000 anni fa, sintetizzato usando scansioni Ct, stampa 3D e una laringe elettronica.

I risultati sono descritti in uno studio pubblicato su ‘Scientific Reports’ diffuso ora in anteprima in Italia dall’agenzia stampa Adnkronos Salute. In questo modo, si è ottenuto un singolo suono: la tecnica non permette, infatti, di arrivare a sintetizzare una frase. Al centro dello studio, un celebre reperto: la mummia di Leeds del 1100 a.C, appartenuta al sacerdote Nesyamun.

Ma come è stato possibile farlo parlare di nuovo? Le dimensioni precise del tratto vocale di un individuo producono un suono unico, ricordano i ricercatori. Se è possibile risalire alle esatte dimensioni di uno specifico tratto vocale, i suoni possono essere sintetizzati utilizzando una ‘copia’ stampata in 3D e una laringe elettronica. Ma affinché ciò sia fattibile, i tessuti molli del tratto vocale originario devono essere discretamente intatti.

Così il team di David Howard e John Schofield ha usato la tomografia computerizzata per confermare che una parte significativa della struttura della laringe e della gola della mummia del sacerdote egiziano Nesyamun fosse rimasta intatta a seguito del processo di mummificazione.

Ciò ha permesso agli autori di misurare e rilevare la forma del tratto vocale del sacerdote, proprio sulla base delle immagini rilevate dall’esame. In base a queste misurazioni, gli autori hanno ricreato un tratto vocale stampato in 3D per Nesyamun e lo hanno utilizzato insieme ad una laringe artificiale. I ricercatori sono stati così in grado di riprodurre un singolo suono, una via di mezzo tra la vocale della parola inglese ‘bed’ e quella di ‘bad’.

Secondo gli studiosi si tratta della dimostrazione del fatto che un tratto vocale conservato per tre millenni ha importanti implicazioni sul modo in cui il passato viene proposto nel presente. E potrà permetterci di riascoltare la voce di personaggi che vivevano nell’antichità.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube