Diritto e Fisco | Articoli

Si contributo unificato per le cause sull’alienabilità dell’alloggio di servizio

10 Settembre 2013
Si contributo unificato per le cause sull’alienabilità dell’alloggio di servizio

Contributo pari a 600 euro: il rapporto di pubblico impiego è insufficiente a far scattare il beneficio.

L’impiegato pubblico che instaura davanti al Tar una causa sull’alloggio di servizio deve corrispondere necessariamente il contributo unificato: nessun beneficio, quindi.

A dirlo è la Commissione Tributaria Provinciale di Roma [1].

Per il ricorso amministrativo proposto davanti al Tribunale Amministrativo Regionale volto ad ottenere un provvedimento relativo al riconoscimento dell’alienabilità dell’alloggio di servizio assegnato, è dovuto il contributo unificato nella misura di euro 600 [2] e non in quella dovuta per le controversie aventi ad oggetto il rapporto di pubblico impiego.

Infatti, anche se la sussistenza del rapporto di pubblico impiego è condizione essenziale per ottenere l’alloggio di servizio, ciò non è sufficiente a far rientrare l’impugnativa del provvedimento relativo all’alienabilità del predetto alloggio tra le controversie riguardanti direttamente ed esclusivamente il rapporto di pubblico impiego.


note

[1] CTP Roma sent. n. 133/2013.

[2] Misura prevista dall’art. 13, comma 6-bis, lett. e), D.P.R. n. 115/2002.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube