Che significa? | Articoli

Che differenza c’è tra confine naturale e confine politico

21 Febbraio 2020 | Autore:
Che differenza c’è tra confine naturale e confine politico

Che cosa separa due Stati da un punto di vista geografico? Quando subentrano le scelte dei governi per decidere se un Comune è di uno o dell’altro?

Ti invito a fare un salto indietro nel tempo. A quando ti trovavi nel tuo banco delle elementari e la maestra ti chiedeva: «Quali sono i confini dell’Italia?» Tu, che avevi studiato e ti sentivi fiero di te stesso, rispondevi: «La Francia, la Svizzera, l’Austria e la Jugoslavia». Che poi, anziché Jugoslavia, oggi bisognerebbe rispondere Slovenia. Dopodiché, ti grattavi un po’ la testa e ti accorgevi che dovevi aggiungere la Repubblica di San Marino e la Città del Vaticano, giusto per essere precisi. E questa è fatta. Ma se per caso ti avessero chiesto: «Che differenza c’è tra confine naturale e confine politico?» Saresti stato in grado di rispondere?

Probabilmente, saresti andato avanti a giurare che l’Italia confina con quei Paesi sopra citati. E nessuno ti potrebbe dire di avere sbagliato. La questione è un’altra: c’è una differenza tra confine naturale e confine politico. Sapresti descriverla?

Io, da spagnolo, a scuola pensavo di avere la risposta facile: Francia, Andorra e Portogallo. Bravo. Questi sono i Paesi che confinano con la Spagna. Ma mi sapresti dire, caro Carlos, quali sono i confini naturali della Spagna? La risposta era pronta: «Mi scappa la pipì, posso andare in bagno?».

Tornato dal bagno, il maestro (io avevo un maestro, non una maestra) mi spiegava che c’è una differenza tra confine naturale e confine politico. Vi racconto quello che mi ha detto.

Confine naturale: che cos’è?

Che cosa separa fisicamente uno Stato da un altro? Non solo la linea di confine politico decisa dai due Paesi ma, a volte, un fiume, una catena montuosa, un mare. Ecco dove si trova – diceva il maestro – il confine naturale.

In Europa, ad esempio, un confine naturale può essere quello dei Pirenei tra la Spagna e la Francia (ma anche tra la Spagna e l’Andorra), oppure il fiume Reno tra la Francia e la Germania nella regione dell’Alsazia.

E in Italia? In Italia, il confine naturale con la Francia possono essere le Alpi o quello con l’Austria le Dolomiti. Ma anche il Mediterraneo, se pensiamo a ciò che ci separa dalla Corsica (Francia) o a Malta o agli altri Stati che si affacciano su questo mare.

In altre parole, il confine naturale coincide con quello geografico.

E, per completezza, sappi che l’Italia fisica, cioè quella compresa entro il confine naturale, ricopre un territorio di 324.000 km quadri. Tutti suoi.

Confine politico: che cos’è

Uno si può chiedere: va bene che le Alpi, sulla zona occidentale dell’Italia, ci separano dalla Francia. Ma se vado sulle montagne del Piemonte o della Val d’Aosta, esattamente dov’è che sono in Italia e dove in Francia?

Ecco che ci troviamo di fronte al confine politico. I due Paesi stabiliscono quali Comuni sono dell’uno e dell’altro.

Basti pensare, ad esempio, alla Repubblica di San Marino o alla Città del Vaticano. Non ci sono degli elementi fisici evidenti che separano l’Italia da questi due Stati che, a tutti gli effetti, sono autonomi. Anzi: non manca mai il turista che, in Piazza San Pietro a Roma, si fa la foto con una gamba qua e una gamba là a cavallo sulla linea di demarcazione tra Italia e Vaticano segnata da una striscia di pietre. Le pietre di San Pietro che, senza ostacoli, aprono la strada a chiunque verso la Basilica. Bella immagine.

Altro esempio di confine politico che non coincide con quello naturale è quello di Campione d’Italia. Si tratta di un’enclave italiana in territorio svizzero, sul lago di Lugano. Formalmente fa parte della provincia di Como, anche se fisicamente si trova nel Cantone Ticino. Significa che, pur essendo geograficamente in un Paese extracomunitario cioè al di là del confine naturale dell’Italia, fa parte del territorio doganale dell’Unione europea, come stabilito dall’apposita direttiva Ue [1].

Ed anche qui per completezza bisogna dire che l’Italia compresa nel confine politico ricopre un territorio di 301.336 km quadri. Nel caso in cui il maestro di tuo figlio glielo chiedesse e lui volesse rispondere senza dover chiedere di andare in bagno.


note

[1] Direttiva Ue 2018/0124.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube