Diritto e Fisco | Articoli

Assicurazione Inail obbligatoria per i riders

28 Gennaio 2020 | Autore:
Assicurazione Inail obbligatoria per i riders

Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali per gli addetti alle consegne a domicilio: nuovi adempimenti obbligatori.

Negli ultimi tempi, ha fatto parecchio discutere l’inquadramento dei cosiddetti riders, ossia dei “fattorini” che consegnano pasti, spesa e acquisti vari a domicilio, in bici o in motorino.

Si tratta di lavoratori autonomi o di parasubordinati, di lavoratori occasionali o di dipendenti? Il cosiddetto decreto Crisi [1], che modifica la disciplina di alcuni rapporti di collaborazione [2], equiparandoli, per diversi aspetti, ai rapporti di lavoro subordinato (vedi Nuove cococo), ha anche previsto una specifica regolamentazione per i rapporti di lavoro dei riders.

La nuova disciplina opera se l’attività di consegna dei beni, in ambito urbano e con l’ausilio di velocipedi, o veicoli a motore, è organizzata attraverso piattaforme, anche digitali. Tra le varie tutele, è prevista l’assicurazione Inail obbligatoria per i riders.

La tutela spetta non solo con riferimento alle collaborazioni che rientrano nell’ambito del lavoro dipendente, ma, dal 1° febbraio 2020, è estesa anche ai riders che svolgono lavoro autonomo occasionale. Ma procediamo con ordine.

Quali riders hanno diritto all’assicurazione Inail?

Con una recente nota [3], l’Inail ha chiarito a quali lavoratori debbano essere applicate le nuove disposizioni riguardo all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali.

Le tutele devono essere applicate non solo nei confronti dei lavoratori che effettuano consegne in virtù di un contratto di collaborazione, riconducibile o meno al lavoro subordinato, ma anche verso coloro che hanno sottoscritto un contratto di lavoro autonomo occasionale.

Chi è obbligato agli adempimenti Inail?

Il soggetto tenuto agli adempimenti assicurativi è il committente, cioè l’impresa di consegna che utilizza la piattaforma (digitale o meno).

Che cos’è la piattaforma digitale?

Può essere considerata piattaforma digitale un programma, o una procedura informatica, come un’applicazione o un portale. La piattaforma deve essere:

  • utilizzata dal committente;
  • strumentale alle attività di consegna di beni.

Nella piattaforma deve essere fissato il compenso per la consegna, e devono essere determinate le modalità di esecuzione della prestazione.

Quali sono gli adempimenti Inail obbligatori?

Il committente, se non ha già un codice ditta e una specifica posizione assicurativa territoriale (PAT) Inail, deve innanzitutto trasmettere la denuncia d’iscrizione all’Inail.

Nella denuncia di iscrizione devono essere fornite le informazioni utili alla valutazione dei rischi e al calcolo dei premi assicurativi, relativamente a tutte le attività svolte dalla ditta, tra le quali l’attività di consegna dei beni per conto altrui.

Se il committente ha già un codice ditta e una PAT, per l’attività esercitata dai riders deve presentare una denuncia di variazione all’Inail entro 30 giorni.

I 30 giorni decorrono dalla data di decorrenza dell’obbligo assicurativo, ossia dal 1° febbraio 2020, o dalla data di avvio dell’attività di consegna di beni per conto altrui avvalendosi di lavoratori autonomi, se successiva.

Se la denuncia di variazione è presentata oltre questo termine, al committente sono applicate le relative sanzioni civili.

Come si compila la denuncia all’Inail?

Nella denuncia di esercizio o di variazione il committente deve indicare:

  • l’attività lavorativa (lavorazione) svolta dai riders;
  • i mezzi utilizzati dai riders per effettuare le consegne (a seconda dei mezzi utilizzati, può essere attribuita una voce di rischio diversa);
  • per ogni mezzo utilizzato, la percentuale stimata delle consegne dei beni (ad esempio consegna merce con velocipedi 60%, con ciclomotori 25%, con auto o furgoni 10%, senza l’ausilio di mezzi di trasporto 5%).

Una volta presentata la denuncia di iscrizione o di variazione, il committente riceve via PEC (posta elettronica certificata):

  • il certificato di assicurazione e conteggio dei premio;
  • il certificato di variazione e conteggio del premio;
  • l’indicazione dell’importo del premio anticipato da versare per il 2020 tramite modello F24, entro la scadenza indicata nello stesso certificato.

Per approfondire: iscrizione all’Inail.

Qual è la voce di rischio per l’attività dei riders?

Se il rider svolge l’attività di consegna di beni per conto altrui in ambito urbano, servendosi di velocipedi o di veicoli a motore, e avvalendosi di piattaforme anche digitali, la voce di rischio da applicare è la 0721: “Servizio di consegna merci in ambito urbano svolto con l’ausilio di veicoli a due ruote o assimilabili”. La voce da applicare è la stessa anche per le consegne effettuate a piedi.

Come si calcola il premio Inail per i riders?

La retribuzione imponibile sulla cui base calcolare il premio dei riders è la retribuzione convenzionale giornaliera, che ammonta a 48,74 euro per il 2019.

Le retribuzioni presunte si calcolano moltiplicando il numero complessivo delle giornate stimate di effettiva attività (cioè con almeno una consegna nelle 24 ore) svolte da tutti i riders per il valore della retribuzione giornaliera convenzionale.

Le retribuzioni presunte stimate complessivamente devono essere suddivise in percentuale, sulla base dei mezzi di trasporto utilizzati per le consegne.

Non è possibile dividere il premio in base al numero di ore lavorate giornalmente dal lavoratore assicurato.

Come si denunciano l’infortunio e la malattia professionale dei riders?

Per quanto riguarda l’eventuale infortunio o la malattia professionale del rider assicurato, gli adempimenti sono gli stessi previsti in relazione alla generalità dei lavoratori dipendenti.

Nel dettaglio:

  • l’infortunio mortale, o per il quale si prevede la morte, deve essere segnalato entro 24 ore;
  • entro 2 giorni, il datore di lavoro deve inviare la denuncia d’infortunio all’Inail se la prognosi assegnata al lavoratore infortunato è superiore a 3 giorni, indipendentemente da ogni valutazione sul diritto all’indennizzo;
  • l’infortunio con prognosi di almeno un giorno, escluso quello dell’evento, deve essere comunque comunicato a fini statistici entro 48 ore.

In ogni caso, è opportuno ricordare che l’obbligo di denuncia di infortunio e l’obbligo di denuncia di malattia professionale decorrono dalla data in cui gli sono stati comunicati gli estremi del certificato medico.

Leggi: infortunio sul lavoro, che cosa fare.

Che cosa spetta in caso di infortunio sul lavoro o di malattia professionale?

I riders hanno diritto, in caso di infortunio o malattia professionale, alle stesse prestazioni spettanti alla generalità dei lavoratori dipendenti, come l’indennità per inabilità temporanea assoluta, la rendita o le prestazioni in capitale per danno permanente o, ancora, le prime cure e le prestazioni protesiche e riabilitative.


note

[1] DL 101/2019.

[2] D.lgs. 81/2015.

[3] Nota Inail 866/2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube