Tech | Articoli

Come fare per bloccare siti indesiderati

23 Febbraio 2020
Come fare per bloccare siti indesiderati

Se stai cercando come bloccare siti indesiderati, preservando i piccoli da contenuti non adatti a loro, sei nel posto giusto. Nell’articolo, scoprirai come fare navigare in sicurezza i tuoi bambini.

L’esplosione del web ha messo alla portata di tutti una quantità inimmaginabile di informazioni, consentendoci ogni giorno di informarci e di colmare molte delle nostre lacune culturali e nozionistiche. Questo cambiamento ha coinvolto anche i più piccoli, che a loro volta si sono ritrovati molti più strumenti utili per il loro apprendimento e per la loro crescita personale rispetto a quelli che avevano i loro coetanei di qualche decennio fa. Fra i tanti vantaggi, c’è anche un enorme pericolo, cioè la possibilità per i nostri piccoli di imbattersi in siti non adeguati alla loro età, alla loro sensibilità e alle loro conoscenze del mondo.

Sorge, quindi, spontanea una domanda: come fare per bloccare siti indesiderati? Nel prosieguo del nostro articolo, ti daremo alcune utili indicazioni per proteggerti da siti web non indicati per i tuoi bambini, in modo da mantenere al sicuro i tuoi piccoli nel corso della loro navigazione sulla rete Internet.

Come bloccare siti indesiderati sui dispositivi mobile

Fin dai primi anni di età, i nostri bambini crescono accanto a smartphone e tablet, e diventa quasi naturale per loro maneggiarli o utilizzarli per le prime ricerche o per ottenere aiuto per i loro compiti. Almeno per i genitori e per i nonni, è quindi fondamentale prendere alcune precauzioni utili a limitare ai più piccoli la consultazione di app e di siti non consoni alla loro età. Diamo, quindi, un’occhiata agli strumenti a nostra disposizione per soddisfare questa necessità.

Se stai utilizzando un iPhone o un iPad, equipaggiati con l’ultima versione di iOS, il sistema operativo mobile di casa Apple, il tuo compito è decisamente più semplice rispetto a quello che avresti su altri dispositivi. Il sistema operativo mobile di Apple mette infatti a disposizione dei propri utenti un sistema di filtraggio di siti indesiderati decisamente efficace. Per attivarlo, pigia su Impostazioni, app di sistema riconoscibile dall’icona a forma di ingranaggio, e successivamente pigia sulla voce Tempo di utilizzo, che fra le altre cose ti permetterà di avere anche un quadro dettagliato di come impieghi il tempo con il tuo dispositivo mobile.

A questo punto, fai un tap su Utilizza codice “Tempo di utilizzo”, e successivamente inserisci un PIN, che ti servirà per proteggere le modifiche da te apportate al tuo dispositivo. Premi, quindi, sulla voce Restrizioni contenuti e privacy e successivamente attiva la levetta che riporta la medesima dicitura. Pigia su Restrizione dei contenuti (la terza opzione partendo dall’alto) in modo da entrare all’interno di un ampio menu, grazie al quale potrai inserire tutte le impostazioni filtraggio da te richieste. In particolare, alla voce Contenuti web ti consigliamo di impostare l’opzione Limita i siti Web per adulti, che dopo l’attivazione potrai integrare con ulteriori siti, premendo sulla dicitura Aggiungi sito web. Il tuo dispositivo iOS sarà a questo punto sicuro per l’utilizzo da parte di un bambino.

Anche Android permette di salvaguardare la sensibilità dei più piccoli attraverso alcuni piccoli accorgimenti. Nell’app di Google, che si usa solitamente per le ricerche, puoi attivare il filtro SafeSearch, che escluderà dai risultati i siti non adatti ai bambini. Per fare ciò, lancia l’app in questione, che troverai nella schermata principale del tuo dispositivo, e premi i tre pallini che trovi in basso a destra.

Subito dopo, pigia su Impostazioni e ancora su Account e privacy, che si trova all’interno della sezione Ricerca. A questo punto, attiva il flag accanto a Filtro SafeSearch, in modo da abilitarlo.

Un’altra app da mettere al sicuro su Android è indubbiamente Chrome, il browser più utilizzato su questo sistema operativo. Per fare ciò, lancia Chrome e pigia sui classici tre pallini, che in questo caso troverai in alto a destra. Premi poi sulla voce Impostazioni e successivamente, nella voce Privacy disponibile all’interno della sezione Avanzate, abilita la funzionalità di Navigazione sicura, pigiando sul simbolo di spunta nell’apposita casella vuota sulla destra.

Un’app che ti può aiutare a proteggere i tuoi bambini da tutto ciò che le precedenti impostazioni non coprono è Norton Family parental control. Comincia scaricandola gratuitamente dal Play Store. Premi poi su Inizia, in modo da cominciare un periodo di prova di 30 giorni. Con un tap su Accedi e Crea Account dai il via alla creazione di un tuo profilo Norton, necessario per utilizzare l’app, seguendo le semplicissime istruzioni e richieste a video. Una volta terminata la creazione del profilo, fai un tap su Figlio, poi pigia su OK e infine su Aggiungi bambino.

A questo punto, comparirà un ulteriore form, all’interno del quale dovrai inserire nome, sesso e data di nascita del tuo bambino. Salva le modifiche effettuate e dall’interfaccia principale pigia su Apri impostazione, che trovi sotto la voce Accesso, e attiva la levetta di Norton Family. Dalla schermata principale di Norton Family parental control, premi infine su Attiva per cominciare l’attività di protezione. Se lo desideri, puoi collegarti al sito ufficiale di Norton family con l’account che hai precedentemente creato, e all’interno del tuo profilo puoi modificare le Impostazioni regole domestiche.

Di default, Norton Family parental control blocca comunque la consultazione della stragrande maggioranza dei siti per adulti su tutte le app, ma puoi ovviamente integrare con altri siti attraverso l’apposito campo.

Come bloccare siti indesiderati su computer

Anche se il computer, grazie alla diffusione degli smartphone, non è più l’unico strumento con cui consultare il web, è comunque opportuno mantenerlo al sicuro da siti indesiderati. Ecco le azioni che devi compiere per metterti al riparo da qualsiasi problema.

Come abbiamo già visto per iOS, anche macOS, e nello specifico Safari, cioè il sistema operativo e il browser predefinito dei computer Apple, mette a disposizione dei propri utenti un sistema di controllo parentale efficiente e semplice da configurare. Per procedere, premi sul simbolo della mela, ben visibile nell’angolo in alto a sinistra del tuo computer Apple, e successivamente fai clic sulla voce Preferenze di sistema.

Premi a questo punto sulla voce Tempo di utilizzo, e successivamente su Contenuti e privacy. All’interno di questo menu, hai a tua disposizione diverse impostazioni per rendere più sicura la navigazione web su questa macchina. Premi, quindi, sul pulsante Attiva, visibile in alto a destra sull’interfaccia, grazie al quale potrai modificare ciò che vorrai. Alla voce Contenuti web, seleziona dunque Limita i siti web per adulti, in modo da escluderli dalle consultazioni. Se lo desideri, puoi restringere ulteriormente le maglie del controllo, deselezionando una o più voci dalla sezione Consenti, che di default sono tutte attivate.

Se, invece, hai un computer Windows, devi procedere in modo diverso a seconda del browser che hai deciso di utilizzare.

Per quanto riguarda Chrome, il browser di proprietà Google, ti consigliamo un’estensione fatta su misura per la tua esigenza: BlockSite, scaricabile e installabile gratuitamente dal Chrome Web Store. Al termine dell’installazione dell’estensione, premi su Accetto e ti ritroverai nell’intuitiva interfaccia di BlockSite. Di default, questa estensione blocca tutti i siti per adulti, come puoi constatare dalla levetta attivata accanto all’apposita voce. Puoi, però, aggiungere liberamente anche altri siti alla lista di quelli bloccati. Per farlo, ti basterà portarti su esso nel corso della tua navigazione su Chrome e premere sull’icona di BlockSite, presente sulla destra della barra degli strumenti del browser.

Un semplice clic ti manterrà lontano dal sito indicato fino a tuo nuovo ordine. All’interno dell’interfaccia di BlockSite, puoi avvalerti anche di altri utili strumenti come quella del Blocca parola, che escluderà dalla consultazione web tutti gli indirizzi che contengono le parole da te scelte.

La stessa estensione BlockSite di cui ti abbiamo appena parlato è disponibile anche su Firefox, tramite l’apposita sezione Add-Ons. Al termine dell’installazione di BlockSite, accetta quanto ti viene chiesto e portati sull’interfaccia principale dell’estensione. Di default, anche su questa versione dell’estensione è attivato il blocco dei siti per adulti, come puoi verificare premendo sul pulsante Adult Block. Anche su Firefox, puoi comunque aggiungere tutti i siti che desideri bloccare semplicemente visitandoli, cliccando sull’icona di BlockSite sulla barra degli strumenti e infine facendo un clic sul pulsante Block This Site.

Purtroppo, il browser predefinito di Microsoft, Internet Explorer, non ha una funzione di controllo parentale integrata, e non la rende possibile tramite estensioni di sviluppatori di terze parti. Puoi comunque mettere una piccola pezza a questa mancanza, bloccando a mano tutti i siti che desideri inibire dalla consultazione. Per fare ciò, clicca sull’icona composta dalla classica icona a forma di ingranaggio, che trovi in alto a destra su Internet Explorer.

Dal successivo menu a comparsa, clicca su Opzioni Internet, poi su Contenuto e infine su Attiva. Dalla scheda Siti approvati, puoi inserire il sito che desideri bloccare semplicemente digitando il suo url e selezionando la voce Mai. Ripeti la stessa operazione per tutti i siti che desideri inibire, e infine premi sulle voci Applica e Salva per registrare le modifiche da te effettuate.

A proposito dei siti poco indicati per i bambini, ti consigliamo di leggere “Cosa è vietato vedere su internet“, in cui ti spieghiamo in maniera approfondita ed esaustiva cosa è legittimo vedere, e cosa non lo è, durante la navigazione Internet. Consultalo per essere aggiornato sui pericoli legali connessi alla tua attività sul web, in modo da non avere sgradite sorprese.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube