Diritto e Fisco | Articoli

Posso portare in detrazione la polizza assicurativa?

23 Febbraio 2020 | Autore:
Posso portare in detrazione la polizza assicurativa?

Quali contratti danno diritto all’agevolazione del 19% nella dichiarazione dei redditi? C’è un limite massimo di spesa?

Per avere un beneficio dalla tua polizza assicurativa non c’è bisogno di aspettare la scadenza o l’evento coperto dal contratto. Puoi già ottenere un’agevolazione fiscale grazie alla dichiarazione dei redditi. Quindi, se ti stai chiedendo «posso portare in detrazione la polizza assicurativa?», la risposta è sì. A seconda, però, del tipo di polizza che hai sottoscritto.

Non tutti i contratti assicurativi, infatti, danno diritto alla detrazione fiscale del 19%. Tra questi troviamo le polizze vita e, da qualche tempo, anche un tipo di polizza sulla casa. Chi ha sottoscritto questi prodotti può recuperare una parte delle somme versate a titolo di premio.

Come succede per quasi tutte le detrazioni fiscali, anche per quelle relative alle polizze assicurative hanno un limite massimo agevolabile. Inoltre, è bene segnalare che il beneficio riguarda solo la parte del premio.

Sarà opportuno anche segnalare chi può portare in detrazione la polizza assicurativa. Bisogna ricordare, infatti, che – oltre alla compagnia di assicurazioni – il contratto può coinvolgere fino a tre soggetti, ovvero:

  • il contraente, vale a dire la persona che firma la polizza e che versa il premio o i premi;
  • l’assicurato, cioè la persona esposta al rischio e titolare del bene protetto dalla polizza (la vita, il reddito, il patrimonio, ecc.);
  • il beneficiario, che è la persona a cui sarà destinata la somma alla scadenza del contratto oppure al sopraggiungere dell’evento per sui è stata fatta la polizza.

Non è detto che tutti e tre siano la stessa persona. Se così non fosse, chi può portare in detrazione la polizza assicurativa? Vediamo.

Detrazione sull’assicurazione: per quali polizze?

Come si diceva, non tutte le polizze assicurative possono essere portate in detrazione. È possibile ottenere l’agevolazione del 19% sulla dichiarazione dei redditi per le polizze del ramo vita e per un particolare tipo di polizza sulla casa. Nel dettaglio, ne hanno diritto le assicurazioni del ramo vita:

  • per rischio morte o invalidità permanente sopra il 5%. La detrazione del 19% si applica per un massimo di 530 euro anche se ci sono più polizze. Significa che potrai recuperare fino a 100,70 euro. È detraibile anche l’assicurazione sottoscritta con una compagnia estera o per infortunio al conducente in aggiunta all’assicurazione obbligatoria Rc Auto. La detrazione non spetta per il rischio di invalidità temporanea, anche se totale. Il codice da riportare nel quadro E della dichiarazione dei redditi è il codice 36;
  • rischio mancata autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana. La detrazione del 19% si applica su un massimo complessivo di 1.291,14 euro. Significa che potrai recuperare fino a 245,32 euro. Il codice da riportare sul 730 è il codice 39;
  • tutela di persone con grave disabilità. La detrazione del 19% si applica su un massimo di 750 euro. Significa che potrai recuperare fino a 142,50 euro. Il codice da riportare il codice 38.

Per quanto riguarda la polizza sulla casa e sulle relative pertinenze, è possibile portare in detrazione quelle stipulate dal 1° gennaio 2018 contro il rischio di eventi calamitosi, a condizione che interessi un immobile ad uso abitativo (non deve essere per forza una prima casa, può trattarsi anche di quella delle vacanze o di un immobile dato in affitto). La copertura, dunque, scatta in caso di terremoto, alluvione, uragano, ecc. La detrazione non spetta se si assicura soltanto una pertinenza dell’immobile (ad esempio il garage). Il codice da riportare sul 730 (sempre sul quadro E) è il codice 43.

Per beneficiare della detrazione sulle polizze assicurative è necessario conservare le ricevute dei pagamenti dei premi e presentare anche una copia del contratto, in modo da dimostrare che la polizza rientra tra quelle che hanno diritto all’agevolazione.

Detrazione sull’assicurazione: chi ne ha diritto?

Come abbiamo già detto, i soggetti coinvolti in una zona polizza assicurativa sono (oltre alla compagnia) tre: il contraente, l’assicurato ed il beneficiario. Può trattarsi della stessa persona ma possono essere anche tre persone diverse. Come, ad esempio, nel caso di chi sottoscrive e paga una polizza (il contraente) per assicurare il coniuge e destinare l’indennizzo o il capitale ai figli (beneficiari).

Chi di loro ha diritto alla detrazione? Il contraente che paga il premio? L’assicurato, il cui bene è coperto dal rischio? Oppure il beneficiario che riceverà i soldi al suo dovuto tempo? La legge consente di ottenere la detrazione fiscale del 19% in questi casi:

  • il contraente e l’assicurato sono la stessa persona: sarà lui a chiedere la detrazione;
  • il contraente e l’assicurato sono la stessa persona a carico del contribuente che chiede la detrazione;
  • il contribuente che chiede la detrazione è l’assicurato ed un suo familiare a carico è il contraente:
  • il contraente è un familiare a carico del contribuente che chiede la detrazione e l’assicurato è un altro familiare a suo carico.

Giova ricordare, infine, che occorre rispettare i limiti di spesa sopra indicati anche nel caso in cui si abbia più polizze. In quest’ultimo caso, si terrà conto del maggior valore detraibile. Ad esempio: se chi ha un’assicurazione per rischio morte (spesa massima, 530 euro) insieme ad una per rischio di grave disabilità (spesa massima, 750 euro) potrà detrarre fino a 750 euro. Mentre chi ha la polizza per il rischio grave disabilità e quella per mancata autosufficienza potrà detrarre fino a 1.291,14 euro.


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube