Italia ancora sotto osservazione Ue per i conti pubblici

30 Gennaio 2020
Italia ancora sotto osservazione Ue per i conti pubblici

Per il vicepresidente della Commissione Ue ci sono stati progressi ma il debito pubblico non è stato ridotto abbastanza e rimane il rischio di sforare i parametri europei.

Nonostante i passi in avanti “sul bilancio italiano resta ancora il rischio di non rispettare” i parametri concordati con Bruxelles. Lo sottolinea il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis in audizione nelle commissioni congiunte Bilancio, Finanze e Politiche Ue di Senato e Camera, per come apprende la nostra agenzia stampa Adnkronos.

L’esponente europeo menziona anche la “difficile discussione” avuta con il governo Conte 1 “quando ha presentato il bilancio per il 2019, che divergeva molto dalle regole fiscali dell’Ue”. Per fortuna, ha
aggiunto, dopo le interlocuzioni con l’allora ministro dell’Economia Giovanni Tria “il deficit fu ridotto”.

Dombrovskis si dichiara invece soddisfatto della tendenza attuale, ma con una preoccupazione: “Mi fa piacere che il bilancio italiano per il 2020 non fa retromarcia sulle raccomandazioni” fatte dalla Commissione Europea, ma il nostro Paese “resta ancora a rischio di deviazione significativa dagli aggiustamenti” indicati da Bruxelles; così – sottolinea – “servono politiche di bilancio responsabili“.

“Il debito italiano resta alto al 136% del Pil e non è stato ridotto abbastanza ” osserva, spiegando che pur in un quadro di ripresa dell’economia sui risultati dei singoli paesi persistono divergenze importanti: abbiamo bisogno di economie nazionali forti, con riforme attuate in modo coordinato”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube