Coronavirus: sviluppato un kit per la diagnosi rapida

31 Gennaio 2020
Coronavirus: sviluppato un kit per la diagnosi rapida

Il kit creato dagli scienziati cinesi consente di sapere entro 15 minuti se si è positivi al virus. In Cina è già stato messo in produzione e in uso.

Un kit per la diagnosi rapida del coronavirus per velocizzare i tempi rispetto a quelli attuali, che richiedono molte ore di osservazione creando allarme e tensione prima di sapere se un paziente è affetto o no da questa pericolosissima infezione. Lo hanno sviluppato gli scienziati cinesi di Wuxi, nella provincia dello Jiangsu, situata nell’est della Cina. Ci informa della scoperta la nostra agenzia stampa Adnkronos Salute.

È in grado di rivelare se una persona abbia contratto il virus in un tempo brevissimo, compreso tra gli otto ed i 15 minuti, come annuncia l’ufficio della Scienza e della Tecnologia della città di Wuxi, che garantisce che il kit è facile da usare e trasportare. Così potrebbe diventare uno strumento diagnostico decisivo per la prevenzione ed il controllo dell’epidemia.

Il dipartimento scientifico cinese annuncia che il kit ora sarà prodotto su larga scala. L’azienda ha fatto sapere di essere in grado di  poterne produrre, per il momento, 4mila al giorno. Non sono stati resi noti i prezzi e i modi di diffusione (se avverrà al pubblico o solo nei confronti del personale sanitario), ma intanto la nostra agenzia stampa Adnkronos Salute apprende che i primi kit messi a punto nello Jiangsu sono già stati messi in uso nella provincia di Hubei, epicentro dell’epidemia.

La velocità cinese emerge anche nei tempi di realizzazione e messa a punto del nuovo strumento: il kit è stato sviluppato in 11 giorni grazie al lavoro congiunto degli esperti dell’Istituto nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie virali e di un’azienda high-tech di Wuxi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube