Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramento del quinto dello stipendio e cessione volontaria: che succede se coesistono?

13 Set 2013


Pignoramento del quinto dello stipendio e cessione volontaria: che succede se coesistono?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 Set 2013



Che succede se si è autorizzata la cessione del quinto dello stipendio: in particolare, in caso di mancato pagamento di debiti, può il creditore pignorare un altro quinto dello stipendio?

In questo articolo analizzeremo il ricorrente caso della coesistenza tra il pignoramento del quinto e la cessione volontaria dello stipendio.

Innanzitutto, è bene stabilire la differenza tra cessione volontaria del quinto dello stipendio da un lato, e pignoramento del quinto dello stipendio dall’altro.

La cessione volontaria del quinto consiste in una particolare forma di prestito personale.  L’interessato accede a un finanziamento, che si impegna a restituire attraverso l’addebito diretto – in favore del creditore – della rata sulla busta paga o pensione. Tale rata sarà pari a un quinto dello stipendio o della pensione stessa.

In altre parole, ad ogni versamento della busta paga o della pensione, il beneficiario si vedrà decurtare automaticamente il 20%, che verrà invece versato al finanziatore/creditore, sino ad estinzione della pendenza.

Tale decurtazione del quinto, quindi, nasce da un atto di volontà del debitore.

Diverso è il pignoramento, che segue invece a una procedura prevista dalla legge che si chiama esecuzione forzata (o anche pignoramento presso terzi). Il pignoramento del quinto esula dalla volontà del debitore.

La legge stabilisce che il pignoramento sulla retribuzione del debitore, a causa di debiti non saldati, può avvenire nella misura massima di un quinto dello stipendio o della pensione [1].

Ma che succede se, insieme prima del pignoramento dell’ufficiale giudiziario, il debitore aveva acconsentito alla cessione volontaria del quinto dello stipendio? E che succede, invece, nell’ipotesi contraria?

Prima di analizzare le due ipotesi, ricordiamo che la legge prevede che il limite della quota pignorabile passa da 1/5  al 50% qualora concorrano più pignoramenti per cause diverse (ad esempio finanziamento e alimenti).

Pignoramento a cui segue la cessione volontaria

Se vi è già un pignoramento del quinto sullo stipendio o pensione, l’interessato può procedere a chiedere la cessione volontaria, fermo restando il limite del quinto. Tuttavia la cessione non può eccedere la differenza tra 2/5 della retribuzione (al netto delle trattenute) e la quota colpita da pignoramento.

Per esempio: se lo stipendio è pari a 100 ed è intervenuto un pignoramento pari a 20 (1/5), la quota di retribuzione cedibile è pari alla differenza tra 40 (2/5 di 100) e la quota pignorata (20), ossia sarà pari a 20.

Cessione volontaria a cui segue il pignoramento

Qualora un lavoratore abbia effettuato una cessione dello stipendio, i successivi pignoramenti sono consentiti solo per la differenza tra la metà dello stipendio e la quota già ceduta dal lavoratore.

Per esempio: se lo stipendio è pari a 100 e vi è stata una cessione pari a 20 (1/5), il pignoramento potrà essere eseguito non oltre la differenza tra la metà dello stipendio (50) e la quota ceduta (20), ossia non oltre 30, ma sempre fermi i limiti della norma e pertanto si potrà arrivare a 30 solo nel caso di crediti alimentari ovvero nel caso di concorso tra crediti alimentari e crediti di altra natura.

note

[1] Art. 545 cod. proc. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

10 Commenti

  1. ho una trattenuta per alimenti di euro 723 e di un pignoramnto di 149 euro il mio stipendio e di circa 1600 il problema è che tra un anno vado in pensione e precisamente 01/01/2015 lo stipendio della pensione sarà poco più di 1400 come si comporterà l’ente erogatore della pensione ed in questo caso ex INPDAP mi decurterà i 723 euro oppure annula il pignoramento. il secondo quesito ho letto che posono pignorare per intero le somme presenti sul conto corrente come faccio a prendere la pensione visto che è obbligatorio un conto di accredito

    1. La ringraziamo per la Sua richiesta.
      L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
      E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

  2. salve, io ho uno stipendio di 1600 euro netti, dal quale mi vengono decurtati 155 euro per una cessione volontaria(finanziamento personale). ho ricevuto la notifica di un pignoramento dello stipendio nella misura di 1/5 (352 euro) per delle spese condominiali non pagate!possono farlo, valutando anche il fatto che lavoro solo io e siamo in quattro in famiglia(io mia moglie e due figli di 8 e 3 anni) e che pago un affitto di 560 euro mensili(a cui si vanno ad aggiungere bollette di gas luce ecc.)? possono ridurre la gente a non poter neanche mangiare? grazie per l’attenzione

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  3. quindi se la mia pensione netta è 800-145 per la cessione del V,mi restano 650-490 x l’affitto,in caso di pignoramento quanto mi potrebbero togliere? grazie

  4. Salve
    Scsatemi volevo domandare se già ho una cessione del quinto e un pignoramento già in busta paga.in busta paga ne possono fare il secondo pignoramento

  5. Buongiorno.io ho tre debiti con agenzia presta soldi e uno di una carta di credito per l assicurazione auto.per mancanza di lavoro non ho piu pagato ora dopo sei anni sono partite tutte le ingiunzioni di pagamento . Il tribunale mi ha trattenuto il 5 dello stipendio. Ma le altre compagnie continuano a mandare ingiunzioni.potete dirmi cosa succefe ora e cosa devo fare.grazie

  6. salve ho uno stpendio di circa 600 euro mensili e in casa siamo mono reddito avendo il mio compagno disoccupato…. ho una cessione del quinto per motivi personali …possono togliermi anche un pignoramento sempre dalla mia busta? mi restano circa 200 euro per vivere e non è una situazione sostenibile

  7. salve vorrei sapere una cosa ho 2 cessioni una volontaria e una pignorata entrambe ho raggiunto oltre la meta’ del saldo so che la cessione volontaria si puo’ estinguere quando si raggiunge il pagamento di un certo numero di rate.quella pignorata si puo’ estinguere?volevo estinguerle tutte e due avendo cosi’ un unica soluzione ed anche piu’ bassa grazie

  8. Percepisco una pensione netta di euro 1440 inclusa una cessione del v di euro330,dovro’ avere un pignoramento per somme non pagate a finanziamenti,Chiedo gentilmente quanti euro possono pignorare e se possono emettere più pignoramenti sulla stessa pensione,e sul conto corrente le finanziarie cosa possono fare?sono ex inpdap e l’un quinto e’ cessione volontaria grazieLuigi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI