Business | Articoli

Quanto guadagna un influencer

2 Febbraio 2020
Quanto guadagna un influencer

Chi sono e cosa fanno gli influencer: ecco come si diventa influencer-marketing e quanto si può guadagnare con una foto o un post.

Chi sono gli influencer e, soprattutto, cosa fanno? C’è grande interesse dietro queste nuove figure nate soprattutto dai social e dalle piattaforme di condivisione video. Quella dell’influencer è un’attività a sé, come può essere quella dell’ingegnere o del consulente, oppure è solo la conseguenza del credito che ci si è guadagnati nell’esercizio del proprio lavoro tradizionale? Una cosa è certa: quando si parla di influencer, l’immaginario collettivo pensa a una persona che, senza grandi sforzi, guadagna cifre esorbitanti. In verità, si tratta spesso di un luogo comune. Chi diventa influencer non sceglie di esserlo: si è già affermato in altre attività e, proprio per questo, la sua credibilità si apprezza in un’ottica più ampia. Ciò significa che, per diventare influencer bisogna primeggiare in qualche campo, essere insomma dei leader. Diventano così influencer cantanti, imprenditori, registi, (anche di sé stessi come gli YouTuber), attivisti politici, ecc.

Quanto guadagna un influencer? La capacità di ricavare ricchezza da un post su un social, in verità, dipende dall’abilità dell’influencer di saper commutare la propria popolarità in marketing. Perché l’influencer – per quanto il nome possa apparire nuovo e figlio della moderna tecnologia – nel momento in cui decide di sfruttare la sua notorietà in termini economici, non fa un lavoro molto differente da quelli tradizionali: è solo un testimonial di un prodotto. Insomma, se ti stai chiedendo cosa fa un influencer per guadagnare da internet, la risposta è molto semplice: fa pubblicità.

In questo breve articolo, proveremo a fare quattro conti nel loro portafogli e cercheremo di rivelare cosa fa e quanto guadagna un influencer, come è possibile ricavare denaro da una foto, un post o dai like sui social network. Ma procediamo con ordine.

Chi sono gli influencer più pagati?

Gli influencer hanno presa soprattutto sul pubblico più giovane, quello tra i 10 e i 18 anni; si tratta, infatti, di un’utenza facilmente influenzabile, avvezza ad elevare a prori idoli i personaggi della tv, dello spettacolo e della musica. 

Chi sono gli influencer più seguiti e pagati? In verità, la top ten conosce variazioni continue anche a distanza di breve tempo. La durata effimera degli influencer emerge nella difficoltà di fidelizzare. È una giostra continua dove si sale e si scende. Non c’è nessuno di questi influencer che ha una posizione stabile e costante nel tempo. Del resto, è proprio la facilità di suggestione dell’utenza che porta i follower a dimenticarsi in breve di un idolo per seguirne un altro. Da ciò a dire che la vita degli influencer è dura, ne passa…

Secondo un’indagine condotta da Il Sole 24 Ore, i top influencer sui ragazzi da 11 a 13 anni sono, in ordine decrescente, Louis Sal, Gianmarco Zatato, LaSabri, Marta Losito, Sespo, Daniele Davì, Anima, Elisa Maino, Rosalba, iPantellas. Invece gli idoli dei ragazzi da 14 a 18 anni sono Fedez, Chiara Ferragni, Amedeo Preziosi, TommyCassi, Matt e Bise, Gabriele Vagnato, Awed, Gianmarco Rottaro, Riccardo Dose, iPantellas.

Tra i bambini più piccoli spiccano invece “I Me contro Te”, ossia Lui e Sofi, due youtuber siciliani, coppia anche nella vita quotidiana, di recente sbarcati al cinema dopo aver gestito un canale YouTube con profitti di 4 milioni di euro all’anno.

Dove si trovano gli influencer?

Non si può capire bene cosa fanno gli influencer se non si sa quali sono le app più utilizzate dai giovani. Questo perché è proprio lì che agiscono gli influencer per intercettare la propria clientela, farsi conoscere e poi monetizzare dai like.

L’app più utilizzata è WhatsApp, ma come noto si tratta solo di una chat istantanea dove gli influencer non hanno – almeno ad oggi – campo d’azione.

Subito dopo, tra i bambini nella fascia tra 11 e 13 anni, c’è YouTube, Instagram, il neonato social TikTok (dalle ceneri di Musical.ly), infine Netflix. 

Invece, nella fascia tra 14 e 18 anni, dopo WhatsApp c’è Instagram, poi YouTube, TikTok e, infine, Snapchat.

Cosa fanno gli influencer?

Cerchiamo ora di scoprire come fa un influencer a guadagnare dai like. In realtà, non è il like che lo fa guadagnare, ma la società che gli commissiona un determinato messaggio da dare all’utenza. Cerchiamo di entrare nel vivo di questo discorso.

Un influencer è una persona in grado di spostare altre persone, a comprare un prodotto o un servizio. 

Come detto, l’influencer parte da una solida base di notorietà che si è procurato per altre attività. Potrebbe anche essere uno youtuber, uno chef, uno stilista o un consulente d’immagine. Non c’è bisogno che la sua attività sia “fisica”, ben potendosi svolgere anche online. 

Nella quotidianità, l’influencer è solito condividere la propria vita con i follower, pubblicando foto e video che lo ritraggono in vari momenti della giornata. Ma attenzione a dare per scontato ciò che non lo è affatto: si tratta di post studiati “a tavolino”, dove l’abilità sta proprio nel far credere che sia spontaneo ciò che, invece, è frutto di attenta meditazione e di scelte di marketing. Nulla è partorito dal caso, al pari di qualsiasi altro utente di social che, prima di pubblicare una foto, sceglie quella in cui è venuto meglio. 

Questi post sono indirizzati a ottenere una forte interazione con il pubblico: più è alta tale interazione, più è possibile raggiungere ulteriori persone, guadagnando altri follower. L’algoritmo dei social, infatti, si basa proprio sulla popolarità di un soggetto mettendo in cima alla lista quelli più seguiti e con maggior engagement. 

Di tanto in tanto, qualche società che necessita di far conoscere un proprio prodotto invia all’influencer la richiesta di pubblicazione di un messaggio pubblicitario: ed è su questo che guadagna l’influencer. Si pensi, ad esempio, a uno chef che, nel mostrare la preparazione di una propria ricetta, mostra la marca di un lievito o ad un’attrice che evidenzia i benefici ottenuti con un determinato rossetto. 

Come diventare influencer?

Per diventare influencer servono costanza e capacità di spiccare in un determinato settore. Per alcune donne basta essere belle e capaci di saper gestire la propria immagine. Il più delle volte, invece, all’involucro è necessario aggiungere dei contenuti.

In questo video qui sotto proviamo a spiegarti come diventare influencer.

Quanto guadagna un influencer?

Secondo le stime, il mercato degli influencer-marketing è oggi valutato dai marketer intorno a 1 miliardo di dollari. La stima per il 2020 è che potrebbe crescere fino a 4 miliardi di dollari. È quanto mai vero il detto «la pubblicità è l’anima del commercio».

Secondo Marco Montemagno, un esperto di marketing che si è costruito anche lui una carriera da influencer, la famiglia Kardashian, in media, può chiedere per un post sui social mezzo milione di dollari. «Questo significa che mamma Kardashian si alza la mattina, apre la mail e c’è una richiesta… “Buongiorno, siamo una società di cappellini; vorremmo darle mezzo milione di dollari per promuovere i cappellini”…» A quel punto che fa Kim Kardashian – spiega sempre Montemagno – si fa consegnare il cappellino, si scatta la foto e incassa i soldi.

In verità, non esiste un “prezzario” degli influencer. La loro capacità di guadagnare dipende dalla loro stessa forza contrattuale, forza data ovviamente dal numero di follower e dalla credibilità che, in un determinato settore, si sono costruiti. 

Una casa automobilistica pagherà ben poco una modella per lanciare un nuovo modello di auto sportiva: i follower di quest’ultima, infatti, non sono il target della propria campagna pubblicitaria; ma potrebbe, invece, essere disposta a spendere di più se l’influencer è un campione di formula 1.

Insomma, un influencer può guadagnare bene in quanto è in grado di far guadagnare bene ad altre persone o società. Quindi, la domanda giusta non è «Quanto guadagna Chiara Ferragni», ma «Quanto fa guadagnare Chiara Ferragni se collabora con una azienda».

Il punto nodale di tutto il discorso non è tanto quante persone vedono il post di Chiara Ferragni, ma quante poi “convertono” il post in un effettivo acquisto. Il cosiddetto tasso di conversione è, quindi, il parametro che consente di stabilire a una società di marketing quanto pagare un influencer. Tanto più questi è in grado di spostare i gusti e le preferenze dei consumatori, tanto maggiore sarà il prezzo che potrà esigere per il proprio post. 

Se una bella ragazza posta una foto seminuda su una spiaggia e, per questo, riesce a ottenere 10mila like, ma poi nessuno dei suoi follower acquista il costumino che ha indosso, la sua capacità di influenzare gli utenti sarà pari a zero. Si tratta, quindi, di un personaggio con un forte seguito, ma che non può definirsi influencer.

Oggi, i social sono pieni di utenti con un considerevole numero di follower, ma ben pochi di questi sono in grado di convertire i propri seguaci in denaro.

Se una azienda investe in un influencer è perché l’influencer “funziona”. 

Una società inglese ha creato una sorta di scaglioni di influencer sulla base del loro tasso di conversione. Ci sono in testa le icone che sono quelli che hanno almeno 7 milioni di follower in media. Poi, i trailblazer, con 2,8 milioni di follower in media. Seguono gli influencer con 853mila follower in media; i micro-influencer con 221mila follower in media e, infine, i super-micro influencer con 50mila follower in media. 

A seconda degli scaglioni, l’influencer guadagna di più o di meno.

Un micro-influencer può guadagnare 200 euro a post. Salendo di scaglione si può chiedere fino a 1.000 euro a post e così via.

Selena Gomez, la nota pop star, è una delle principali influencer su Instagram. Sono note le sue campagne pubblicitarie per la Puma. Ha circa 140 milioni di follower e guadagna per post 800,000 dollari in media. Poi, c’è Cristiano Ronaldo con 113 milioni di follower e un guadagno medio di 720.000 dollari. Segue la cantante-attrice Beyonce con 115 milioni di follower e 700.000 dollari.

Quanto guadagna Chiara Ferragni di cui si parla spessissimo come emblema del social marketing? L’account di Chiara Ferragni raggiunge gli oltre 13 milioni di follower per un guadagno di 20.000 dollari per ogni singolo post o foto. 

Quanto guadagna Fedez? Con 5.800.000 follower incassa 8.500 dollari a post. 

In alcuni casi, quando l’influencer non è ben affermato, le case non pagano in denaro, ma in natura, scambiando un post con un campione del prodotto in questione. Così, ad esempio, la modella che pubblica la foto con un paio di scarpe ha ricevuto il modello come regalo per la sua attività.

Un micro-influencer, invece, guadagna le seguenti cifre (indagine condotta da Il Corriere della Sera):

  • con 100mila follower: da 0 a 500 euro a post;
  • con oltre 500mila follower: da 500 a 5mila euro a post.

Chi supera il milione punta almeno a 2.500 euro per ogni collaborazione.

Questa, però, è solo una fettina delle attività da cui guadagna un influencer. Ne esistono tante altre come le cosiddette ospitate nel corso di trasmissioni televisive, galà, inaugurazioni, serate in discoteca, ecc. Per ciascuna di queste apparizioni l’influencer riceve un compenso. 

Attenzione, però, alla pubblicità occulta: il Garante del Mercato e della Concorrenza ha inviato lettere di moral suasion agli influencer e ai titolari dei marchi utilizzati dagli stessi. In tali comunicazioni, è stato ricordato che la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile in quanto tale. Il che significa che bisogna accompagnare il post con una espressa indicazione. L’Agcm ha così indicato degli hashtag alternativi ad #adv volti a rendere chiaramente riconoscibile la finalità promozionale, ove sussistente, di tutti i contenuti diffusi mediante social. Eccone alcuni:

  • #pubblicità [nome brand];
  • #sponsorizzato da [nome brand];
  • #inserzioneapagamento [nome brand]
  • o, nel caso di fornitura del bene ancorché a titolo gratuito, #prodottofornitoda [nome brand].

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube