Diritto e Fisco | Articoli

SIAE: ora si può pagare i diritti d’autore online

16 Settembre 2013
SIAE: ora si può pagare i diritti d’autore online

Posso pagare i diritti d’autore senza recarmi presso un ufficio SIAE?

La procedura per il rilascio del permesso alla riproduzione di brani musicali ed il pagamento dei relativi diritti alla S.I.A.E. [1] è stata, di recente, telematizzata con due modalità diverse a seconda che l’utilizzatore sia un privato occasionale o un professionista.  Al fine della corretta riproduzione [2], diffusione [3] ed esecuzione [4] dei brani musicali è necessario che l’utilizzatore paghi alla S.I.A.E. una somma di denaro, come prezzo per l’uso dell’opera medesima.

In passato, bisognava recarsi presso gli uffici S.I.A.E. [5], con file anche di ore, per effettuare il pagamento e ottenere così il rilascio del permesso per l’utilizzazione del repertorio musicale coperto dal diritto d’autore.  Oggi, invece, è stata introdotta una procedura online che consente di pagare l’importo dovuto in pochi click.  

La procedura da seguire si differenzia a seconda che l’utilizzatore sia un privato (per esempio, per una festa di laurea o un matrimonio) oppure un professionista (cioè un organizzatore di eventi).

Per i privati, la procedura è veloce e completamente telematica. Bisogna innanzitutto registrarsi al sito della S.I.A.E. e, successivamente, recarsi nella sezione servizi on-line, scaricare il “Programma musicale”, compilarlo e pagare telematicamente il costo previsto per l’esecuzione dei brani analiticamente riportati nel suddetto programma.   Il professionista, invece, per potere usufruire del suddetto servizio deve previamente recarsi presso un ufficio S.I.A.E. al fine di depositare l’accordo, da lui firmato, che gli permetterà di usufruire di tale servizio online nelle medesime modalità di un comune cittadino.

di MARTINA GRIMALDI


note

[1] Spesso volgarmente detti “diritti SIAE” in considerazione del nome della società presso la quale è necessario effettuare il pagamento.

[2] Il concetto di “riproduzione” sintetizza la volontà di copiare quell’opera musicale.

[3] Per “diffusione” si intende la possibilità di estendere la ripetizione del brano originale anche per grandi distanze, ad esempio via radio.

[4] L’esecuzione di un’opera si concretizza, invece, nella sua riproduzione ad una moltitudine di persone.

[5] Acronimo di società italiana degli autori ed editori.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. non si dice tuttavia qual’e la procedura esecutiva per poter acquisire permesso e report di pagamento diritti qualora un utilizzatore professionale sia stato abilitato a operare on line

Rispondi a u marverti Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube