HOME Articoli

Lo sai che? Nessuna provvigione all’agente immobiliare che fa solo visionare l’appartamento

Lo sai che? Pubblicato il 17 settembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 settembre 2013

L’agenzia immobiliare non può pretendere la provvigione per il solo fatto di aver mostrato l’appartamento agli acquirenti.

Non è dovuta la provvigione all’agente immobiliare se questi si è limitato a far visionare l’appartamento e non ha dato un contributo rilevante nella conclusione dell’affare tra venditore e acquirente.

È quanto stabilito dalla Cassazione [1] che, in linea con il costante orientamento giurisprudenziale, ha sottolineato la necessità, ai fini della maturazione della provvigione, del nesso causale tra l’attività svolta dall’agenzia o mediatore immobiliare e la conclusione dell’affare.

In altri termini, l’agente immobiliare ha diritto alla provvigione solo se ha svolto un’attività essenziale di mediazione tra domanda e offerta dell’immobile, attività senza la quale l’affare non si sarebbe mai concluso.

Si ricorda che, l’affare si intende concluso quando, grazie all’attività mediatrice dell’agente, venditore e acquirente costituiscono un valido vincolo giuridico (quale è già il contratto preliminare e non necessariamente il contratto finale di compravendita).

Qualora, invece, l’agente immobiliare abbia semplicemente fatto visionare limmobile agli acquirenti, ma non abbia presentato le parti o avviato le trattative, nessuna provvigione gli è dovuta.

note

[1] Cass. sent. n. 21095 del 16.09.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Leggiamo bene la sentenza l’agenzia che aveva fatto visionare l’immobile non aveva concluso l’affare. In seguito grazie all’intervento di un’altra agenzia immobiliare l’acquisto è stato perfezionato.
    Infatti nella sentenza si legge:
    “Ha rilevato la Corte che dagli atti risulta, altresì, che l’affare fu concluso con l’Intervento di
    altro mediatore, al quale la provvigione fu regolarmente corrisposta. ”
    E’ l’abilità di esporre e risolvere esigenze del secondo intervenuto che ha fatto si che acquistassero l’immobile. Il primo si è limitato alla visita.
    Sicuramente diversa sarebbe stata la sentenza nel caso in cui dopo la semplice visita avessero comunque acquistato l’immobile.

  2. E non dimentichiamoci che attuando questa norma ogni venditore privato potrebbe “scavalcarci” andando a concludere direttamente con la persona che l’agente immobiliare ha portato “solo” in visita.

  3. Scusatemi, ma di cosa state parlando? Conoscete il codice deontologico, oppure siete degli “agenti” ABUSIVI?? Caso di una mia disavventura: il cliente vede l’appartamento con me e quindi viene a conoscenza che quell’appartamento in via tal dei tali è in vendita. Io mi limito a fargli conoscere tutte le caratteristiche dell’immobile e a fargli prendere visione di tutto ciò, questo quando NON vogliono avviare trattative con il proprietario. Arriviamo al dunque, quando vengo a conoscenza che quella casa è stata comprata dalle solite persone tramite altra agenzia o perchè hanno fatto i furbetti scavalcandomi o hanno fatto i furbetti quelli dell’altra agenzia. A voi vi piace alzarvi la mattina e farsi prendere in giro?!?! A me, onestamente, NO!!!! Quindi le federazioni FIAIP FIMAA ANAMA, oltre a fornirci delle modulistiche necessarie e a darsi battaglia contro gli ABUSIVI, devono trovare un accordo per modificare la legge e rendere obbligatorio la presenza degli genti immobiliari dal Notaio per la valida conclusione dell’affare, con tanto di tesserino e foto!!! Oppure siamo sempre a livello degli apri porta?? ma dai

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI