HOME Articoli

Lo sai che? Illuminazione insufficiente sul luogo di lavoro: sanzioni al datore

Lo sai che? Pubblicato il 17 settembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 settembre 2013

Rischia lammenda il datore di lavoro che, anche senza dolo, non predispone unilluminazione adeguata; sufficiente la colpa.

Rischia l’ammenda il datore che non predispone un’illuminazione adeguata sul luogo di lavoro. Egli, peraltro, ne risponde anche a titolo di colpa (e non necessariamente di dolo), il che vuol dire che è responsabile anche in assenza di una sua coscienza e volontà di commettere l’illecito. Inoltre può essere condannato sulla sola base del verbale degli ispettori.

Lo ha sancito la Cassazione con una recente sentenza [1].

Non essere in regola con l’illuminazione artificiale significa violare le norme sulla sicurezza sul posto di lavoro.

La legge [2], a riguardo, stabilisce che tutti i locali e luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi che consentano una illuminazione artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere di lavoratori.

Inoltre, le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia ed efficienza.

note

1] Cass. sent. n. 37559 del 13.09.2013.

[2] Art. 10 del DPR n. 303/1956. Tali disposizioni sono ora riprodotte nell’art. 63 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, che rinvia alle prescrizioni contenute nell’allegato IV, che al punto 1.10 sostanzialmente detta le stesse regole già contenute nell’art. 10 del DPR n. 303/1956.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI