Diritto e Fisco | Articoli

Dalle indagini sui redditi per il divorzio all’accertamento fiscale per evasione

17 settembre 2013


Dalle indagini sui redditi per il divorzio all’accertamento fiscale per evasione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 settembre 2013



Le indagini autorizzate dal giudice del divorzio sui conti legittimano anche laccertamento dei ricavi in nero.

Per sfuggire alla moglie, si può cadere nelle reti della finanza.

Finisce male la storia di un uomo che, per non aver voluto riconoscere, alla ex moglie, un assegno proporzionato alle proprie condizioni economiche, ha visto avviare nei suoi confronti, proprio su autorizzazione del giudice del divorzio, un’indagine da cui la finanza ha appurato l’esistenza di redditi in nero. E così è scattato l’accertamento fiscale.

A riguardo, la Commissione tributaria regionale di Firenze [1] ha stabilito che è legittimo l’accertamento fiscale sui redditi in nero del contribuente avviato a seguito di un’indagine partita dal giudice del divorzio sui conti correnti bancari del coniuge obbligato.

Infatti le indagini autorizzate dal guide del divorzio sono proprio dirette a individuare attività non dichiarate e fiscalmente rilevanti: pertanto tutti i conseguenti accertamenti del fisco devono ritenersi legittimi.

note

[1] CTR Firenze, sent. n. 27/2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI