Patente a punti per le imprese? Crescono i no

7 Febbraio 2020
Patente a punti per le imprese? Crescono i no

La proposta di introdurre premi e sanzioni in tema di sicurezza sul lavoro e prevenzione infortuni sconta le critiche delle associazioni imprenditoriali.

È uno dei temi più caldi, del momento e a ben vedere di sempre, quello della sicurezza sul lavoro. Ma è diventato incandescente ora che il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha lanciato l’idea di una “patente a punti” per misurare gli infortuni nelle imprese edili. L’intento è quello di rendere più stringenti le norme, e per questa via ridurre il rischio di incidenti ed infortuni sul lavoro.

Per questo l’obiettivo attrae i sindacati ma accentua la loro divisione dalle imprese. Un accordo sul punto appare molto distante. All’esito dell’incontro di ieri tra Governo, sindacati e imprese si è discusso sui meccanismi di premialità proposti dal ministro del Lavoro per le imprese virtuose e delle sanzioni previste per quelle che violeranno i livelli di salute, sicurezza e prevenzione previsti dalla nuova legge in arrivo.

Intanto, in attesa degli altri round previsti in agenda – il 13 febbraio ci sarà sarà il tavolo istituzionale sulla formazione con le Regioni, mentre il 24 e 26 febbraio si parlerà di qualificazione e vigilanza – le imprese già reagiscono attraverso i comunicati delle loro associazioni, riportati dall’agenzia stampa Adnkronos.

“La patente a punti non è il sistema giusto per contrastare le gravi irregolarità, sui cui si deve agire per mezzo dei controlli e della vigilanza”, spiega Barbara Gatto della Cna, la Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa. No anche da Confartigianato, contraria contraria da sempre all’istituzione di una ‘patente a punti’ per le imprese dell’edilizia.

Secondo Confartigianato “il meccanismo della patente a punti previsto dal Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro si presta ad alterare il libero mercato nel settore delle costruzioni, favorendo i grandi general contractors a svantaggio delle piccole imprese. Se questo è l’intento del Governo allora è sulla strada giusta”.

“Così non solo non si aumentano i livelli di sicurezza sui luoghi di lavoro, ma – prosegue l’associazione degli artigiani – si duplicano oneri ed adempimenti amministrativi rispetto a quelli già esistenti. Si tratterebbe di un evidente esempio di gold plating, così è chiamato il caso in cui le norme dell’Unione europea vengono ‘aggravate’ dalle autorità italiane“.

Occorre un sistema di promozione ed incentivi, non di sanzioni, dice l’Unasf (Unione nazionale sicurezza e formazione aderente a Conflavoro Pmi) che commenta: ”La patente a punti per la sicurezza sul lavoro? Attenzione a non ammassare soltanto nuove difficoltà burocratiche sulla schiena delle piccole aziende, senza dare loro in cambio il sostegno necessario a cambiare rotta. La cultura della prevenzione va promossa coi fatti e con gli incentivi, non con le sanzioni”.

”Sembra un sistema di punizioni più che di incentivi. E difatti – commenta il presidente Unasf, Enzo Capobianco – invece di lavorare a un miglioramento generale della prevenzione, si finisce sempre per penalizzare le realtà imprenditoriali di dimensioni più ridotte con aggravi di costi e burocrazia. Perché, di certo, la mannaia delle sanzioni di questa patente a punti, se mai si farà, cadrà sui soliti noti. Ma la sicurezza sul lavoro è un’altra cosa, servono più sgravi fiscali alle aziende, maggiore informazione, meno costi burocratici. Quello che serve è una patente di incentivi, se di patente vogliamo parlare”, precisa Capobianco.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube