Comuni: mille sono a rischio dissesto

10 Febbraio 2020
Comuni: mille sono a rischio dissesto

Una sentenza della Corte costituzionale potrebbe avere effetti dirompenti su molti Comuni e città come Napoli e Torino. Ma il Governo ha pronta una nuova norma.

Una recente sentenza della Corte costituzionale [1] che ha vietato il ricorso alle “anticipazioni di liquidità”, tranne che nei casi in cui servano a pagare le passività accumulate negli esercizi precedenti ed iscritte in bilancio potrebbe comportare il rischio di dissesto per oltre mille Comuni italiani – tra cui grandi città, come Napoli e Torino – che facevano ricorso a questo strumento anche per esigenze ordinarie di cassa e così coprire un gran numero di spese in un modo che ora è diventato illegittimo.

Ma il Governo ha pronta una norma per scongiurare questa eventualità: oggi interviene il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, annunciando che nel decreto Milleproroghe è pronta una modifica legislativa, predisposta per intervenire su questi aspetti. L’agenzia stampa Adnkronos ci riporta le sue dichiarazioni di oggi.

”Far andare in dissesto 1000 Comuni è un rischio troppo grande per i cittadini che si vedrebbero così tagliati servizi essenziali, come quelli sociali. Il nostro interesse è quello di tutelare i cittadini. Chiedo a tutti di non utilizzare questi temi per fare solo della propaganda. Per noi questa è una norma corretta, che evita ai cittadini di trovarsi in grande difficoltà”, sottolinea in un post su Facebook.

”In sostanza, -spiega Castelli- dice che i Comuni devono velocizzare ed anticipare il processo di restituzione. Questa sentenza ha degli effetti dirompenti sui Comuni, e in alcuni casi potrebbe far andare alcuni Comuni, circa mille, in dissesto. Si tratta per la maggior parte di Comuni tra i 5 ed i 10 mila abitanti, ma anche alcuni Comuni grandi come Napoli e Torino”.

”Qualcuno in queste ore dice che il Governo e la maggioranza stanno facendo una norma ad hoc per il Comune di Napoli, io voglio precisare che la nostra responsabilità politica è quella di interpretare una sentenza molto importante, per la quale ringrazio la Corte Costituzionale, delineando un percorso per i Comuni senza mettere a rischio i cittadini’‘.


note

[1] C.Cost., sent. n. 4/2020 del 28 gennaio 2020, che ha dichiarato costituzionalmente illegittimi gli artt. 2, comma 6, del decreto legge n. 78 del 2015, convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2015, n. 125, e 1, comma 814, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, per contrasto con gli articoli 81, 97, primo comma, e 119, sesto comma, della Costituzione.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube