Diritto e Fisco | Articoli

Spid: devo pagare per averlo?

13 Febbraio 2020 | Autore:
Spid: devo pagare per averlo?

Il Servizio pubblico di identità digitale è gratuito? Lo si può avere anche se si è residenti all’estero? A chi rivolgersi per ottenerlo?

Da quando la Pubblica amministrazione ha avviato il processo di digitalizzazione, i cittadini hanno la possibilità di evitare lunghe code agli sportelli per ottenere un’informazione, un certificato, una visura. Basta collegarsi da casa per accedere ad un qualsiasi portale degli enti pubblici e cercare quello di cui si ha bisogno. Tuttavia, per entrarci ci vogliono delle credenziali particolari. Una di queste è lo Spid, cioè il Sistema pubblico di identità digitale. Un modo per accedere in maniera unica e protetta ai servizi digitali della Pubblica amministrazione. Ma, per una volta, lo Stato ci dà questo servizio in cambio di niente? Non è strano che un cittadino si chieda: se ho bisogno dello Spid, devo pagare per averlo?

Giova ricordare che lo Spid è gestito da operatori privati e pubblici. E che i livelli di accesso sono due, diversi a seconda del grado di sicurezza richiesto. C’è, infatti, chi si accontenta di entrare nel solito modo, scegliendo login e password e basta, e chi vuole ulteriori passaggi, come una password usa e getta che non consenta a qualche indiscreto malintenzionato di memorizzarla per farsi allegramente i cavoli degli altri.

Questa tutela della privacy e della sicurezza ha un prezzo? È, in altre parole, la domanda che si fa chi pensa: «Devo pagare per avere lo Spid?» Su questo punto, alla fine del 2019 c’è stata una novità. Vuoi sapere tutto sullo Spid? Parliamone.

Spid: che cos’è?

Lo Spid è il Sistema pubblico di identità digitale che consente ad ogni cittadino maggiorenne l’accesso ai servizi digitali della Pubblica amministrazione e dei privati che vi aderiscono. Tanto per fare qualche esempio, lo Spid consente di comunicare con il Comune (pagamento dell’Imu), con l’Inps o con l’Agenzia delle Entrate per recuperare un documento o per fare, tanto per dire, il pagamento del bollo auto.

Un sistema tutt’altro che sconosciuto. Nel solo mese di gennaio 2020, giusto per citare qualche dato, è stato utilizzato quasi sei milioni di volte. E nel 2019 si è arrivati a 55 milioni di accessi, con un tasso di crescita di 50mila identità a settimana.

In termini pratici, lo Spid consente di indentificare un cittadino con la stessa credenziale superando il vecchio concetto delle decine di login e password da memorizzare o da segnare da qualche parte, con il rischio che, se qualcuno ne entrasse in possesso, qualcuno potrebbe farsi gli affari altrui.

Lo Spid è fatto da un nome utente e da una password di un minimo di otto caratteri che abbia almeno un numero e un simbolo speciale e senza due caratteri uguali di seguito. Quindi non vale creare una parola chiave del tipo «password» ma – da evitare perché troppo scontata – «@Pasword1». Questa parola chiave va aggiornata ogni sei mesi, anche se ogni gestore detta le proprie regole.

Spid: come si ottiene?

Lo Spid viene rilasciato da nove diverse società. Tra le più note c’è Poste Italiane, che rilascia l’identità digitale sia per i servizi postali sia per quelli attinenti la Pubblica Amministrazione.

Gli altri soggetti sono:

  • Aruba;
  • Infocert;
  • Intesa;
  • Manirial;
  • Register;
  • Sielte;
  • Tim;
  • Lepida.

Questi ultimi sono soggetti accreditati dall’Agenzia per l’Italia Digitale (che dipende dal Governo). Gestiscono e forniscono l’identità digitale dei cittadini e dei professionisti.

In qualsiasi momento, si può annullare la procedura di registrazione avviata con un qualsiasi gestore dello Spid senza alcun tipo di obbligo o conseguenza e poi richiedere un’identità digitale nuova. È addirittura possibile avere più di uno Spid rivolgendosi a più di un gestore. Allo stesso modo, è possibile recuperare l’identità digitale dal proprio provider nel caso in cui fosse stata persa.

L’identità digitale non è riservata solo ai privati cittadini o ai professionisti: anche il responsabile legale di una società può richiedere e utilizzare uno Spid per accedere e usare i servizi online dedicati all’impresa.

Da segnalare, infine, che può ottenere l’identità digitale anche il cittadino italiano residente all’estero. Dovrà fornire:

  • numero di cellulare (anche se abbonato con un operatore straniero);
  • indirizzo e-mail;
  • documento di identità italiano (passaporto, carta d’identità o patente);
  • documento che certifichi il codice fiscale.

Spid: quali livelli di sicurezza?

Si diceva prima che ci sono diversi livelli di sicurezza dello Spid. In particolare:

  • il livello 1: permette di accedere ai servizi della Pubblica amministrazione con una normale combinazione di nome utente-password liberamente scelte dal cittadino;
  • il livello 2: garantisce una sicurezza maggiore per l’utente poiché, oltre al login e alla password scelte dal cittadino, c’è bisogno di inserire un codice temporaneo di accesso (la cosiddetta one time password) oppure di utilizzare un’app attraverso un dispositivo come un tablet o uno smartphone;
  • il livello 3: richiede, oltre a username e password, anche l’utilizzo della smart card per l’identificazione dell’utente.

Spid: è gratuito?

Dal mese di novembre 2019, l’Agenzia per l’Italia digitale ha invitato i provider che gestiscono e forniscono lo Spid a rilasciare gratis e per sempre l’attivazione dell’identità digitale ai cittadini, rinnovando le convenzioni sottoscritte che scadevano originariamente il 31 dicembre dello stesso anno.

Il rilascio gratuito dello Spid riguarda i primi due livelli di sicurezza sopra citati, quindi i livelli 1 e 2.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Gentile Amico, forse e’ tempo che Lei va in pensione perche’ non ha capito come stanno le cose con SPID. Al contrario ha capito bene come chiedere a noi un aiutino per sostenere le spese del suo giornale. Infocert mi ha chiesto 62.89€ per attivare SPID (Via Web cam). Register.it mi ha detto che non lo fa per i residenti all’estero quale io sono.
    Ecco come stanno le cose.
    L’Italia ! Che paese di MERDA….
    Saluti e rispetto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube