Diritto e Fisco | Articoli

Pensione anticipata nuova proposta

12 Febbraio 2020 | Autore:
Pensione anticipata nuova proposta

Nuova pensione anticipata al posto della quota 100: requisiti, penalizzazioni nel calcolo del trattamento.

Terminato il 2021, si chiuderà il triennio di sperimentazione della quota 100. Questo comporterà delle problematiche non indifferenti per coloro che non riescono a maturare i requisiti previsti entro il 31 dicembre 2021.

Prendiamo il caso di un lavoratore che compie 62 anni nel dicembre del 2021 ma matura 38 anni di contributi solo nel mese di gennaio 2022: questi dovrà attendere, per uscire dal lavoro, il compimento di 67 anni e 6 mesi (in base agli adeguamenti alla speranza di vita previsti per i bienni 2023-2024 e 2025-2026), ossia dell’età utile per ottenere la pensione di vecchiaia ordinaria, o, in alternativa, la maturazione di 42 anni e 10 mesi di contribuzione, più 3 mesi di finestra (requisito utile alla pensione anticipata ordinaria sino al 31 dicembre 2026). In pratica, il lavoratore, “colpevole” di non aver maturato 38 anni di contribuzione entro il 2021, si troverà ad attendere oltre 5 anni per una pensione che, in caso di continuazione della quota 100, sarebbe stata “a un passo”.

Per rimediare a questo “scalone” che si verrà a creare dal 2022, sono state ipotizzate alcune nuove tipologie di pensione anticipata: la proposta per la quale attualmente si riscontra un maggior numero di consensi è la cosiddetta pensione anticipata quota 102. Di che cosa si tratta?

Facciamo il punto su questa pensione anticipata: nuova proposta, quali sono i requisiti richiesti, come si calcola il trattamento. Per rendere la nuova tipologia di pensione sostenibile, si pensa sia a un ricalcolo contributivo dell’assegno, che a una riduzione percentuale. In ogni caso, la nuova prestazione economica sarebbe strutturale, cioè permanente, e non sperimentale come la quota 100.

Pensione anticipata quota 102

Ma come funzionerebbe, nel dettaglio, questa nuova quota 102? La proposta formulata prevede la possibilità di ottenere la pensione, una volta terminata la sperimentazione quota 100, con 64 anni di età e 38 anni di contributi; altre ipotesi prevedono una “nuova quota 100”, con 64 anni di età e 36 di contributi.

Rispetto alla quota 100 cambierebbe, però, il sistema di calcolo del trattamento, per rendere lo strumento sostenibile per le casse pubbliche.

Come si calcola la nuova pensione anticipata?

Nel dettaglio, per arginare i costi che il nuovo anticipo della pensione comporterebbe, si è inizialmente ipotizzato un ricalcolo contributivo del trattamento. Ma in che modo utilizzare un diverso sistema di calcolo potrebbe apportare dei benefici alle casse pubbliche?

Semplice: il calcolo contributivo della pensione si basa sui contributi accreditati nell’arco della vita lavorativa, rivalutati (i coefficienti di capitalizzazione, basati sulla variazione quinquennale del pin nominale, sono piuttosto bassi), e sull’età pensionabile. Questo, a differenza del calcolo retributivo che invece si basa sulle retribuzioni più recenti, rivalutate (i coefficienti di rivalutazione delle retribuzioni, basati sull’indice Foi, risultano meno penalizzanti rispetto ai coefficienti di capitalizzazione del montante contributivo, anche se un confronto diretto risulta improprio), e sull’anzianità contributiva al 31 dicembre 1992 (quota A), e dal 1993 al 2011 (dal 1993 al 1995 per chi possiede meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995), quota B (annualità differenti sono considerate per gli iscritti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi).

In buona sostanza, il calcolo retributivo, basandosi sui redditi più recenti, che normalmente sono anche i più elevati, offre al lavoratore un trattamento migliore rispetto al calcolo contributivo. Nella generalità dei casi, poi, se la retribuzione del lavoratore cala a fine carriera, l’ordinamento offre al lavoratore la possibilità di neutralizzare i periodi che rovinano la retribuzione pensionabile.

Ma qual è la penalizzazione che deriva dal calcolo contributivo? Non esiste una percentuale fissa, ma questa dipende dalla situazione previdenziale complessiva dell’interessato (continuità della carriera, crescita delle retribuzioni, ammontare della contribuzione accantonata…). Spesso, comunque, il ricalcolo contributivo determina un taglio del trattamento che può arrivare al 25- 30% [1].

Per questo motivo, la proposta più recente ipotizza una penalizzazione da applicare alla nuova pensione anticipata minore di quella derivante dal ricalcolo contributivo, e pari al 2% per ogni anno di anticipo dei requisiti rispetto all’età per la pensione di vecchiaia, o al requisito contributivo per la pensione anticipata. Il taglio potrebbe arrivare al massimo al 6%.

Quanto si perde con la nuova pensione anticipata?

Vediamo subito un caso pratico per capire quanto andrebbe a perdere il lavoratore con la nuova pensione anticipata, sia in caso di ricalcolo contributivo che di penalizzazione percentuale.

In base ai calcoli sviluppati dall’Osservatorio previdenza della Fondazione Di Vittorio della Cgil, un operaio con Ccnl metalmeccanico inquadrato nel terzo livello, ad esempio, con 23 mila euro di retribuzione e una carriera lavorativa di 36 anni, senza salti di stipendio, col ricalcolo contributivo per pensionamento a 64 anni passerebbe da 1.145 a 801 euro di pensione lorda, con un taglio del 30%. La pensione al netto della tassazione scenderebbe da 952 (pensione netta senza ricalcolo integralmente contributivo) a 732 euro al mese: una cifra addirittura inferiore rispetto alla pensione di cittadinanza. In totale, l’operaio rinuncerebbe a 51.480 euro netti dai 64 anni fino agli 82.

La riduzione della pensione è maggiore per chi possiede molte annualità che normalmente sarebbero calcolate col sistema retributivo, quindi anteriori al 1996. Inoltre, il ricalcolo è penalizzante anche per i lavoratori part time, che possono beneficiare di vantaggi e neutralizzazioni delle annualità più basse, nella quota retributiva della pensione.

Col taglio del 6%, invece, l’operaio percepirebbe una pensione lorda pari a 1076,30 euro, notevolmente più elevata rispetto alla prestazione ottenuta col ricalcolo contributivo.


note

[1] Dati Osservatorio previdenza della Fondazione Di Vittorio della Cgil.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube