Politica | News

Magistrati onorari, più soldi in vista

12 Febbraio 2020 | Autore:
Magistrati onorari, più soldi in vista

Prende piede il progetto di riforma che riguarda pm e giudici non togati. Il ministro Bonafede “sfida” i partiti

Primi passi del Governo verso la riforma della magistratura onoraria. I giudici e i pm non togati – che non sono cioè vincitori di concorso e non svolgono questo lavoro in modo esclusivo – possono cominciare a sperare.

Secondo quanto riporta l’agenzia Adnkronos, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, durante il Question time alla Camera dei deputati, ha assicurato che il progetto di riforma del settore «è un buon primo passo, su cui le forze politiche di maggioranza e opposizione potranno apportare miglioramenti».

Bonafede ha aggiunto che da parte del suo ministero «ci sarà grande disponibilità per portare avanti questo percorso». E ha “sfidato” i partiti: «Tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione si sono espresse sull’importanza della magistratura onoraria». I giudici e i pm onorari, infatti, nati soltanto per coadiuvare i magistrati di professione, si sono rivelati fondamentali nel sistema della giustizia italiana. Hanno contribuito sensibilmente a smaltire il carico di lavoro arretrato e a far andare avanti processi che sarebbero altrimenti rimasti bloccati.

Siamo ancora all’inizio del dibattito sulla riforma, ma è già un importante primo passo in avanti. In passato, però, sono stati numerosi gli annunci da parte della politica, che poi sono naufragati. La volontà del ministero della Giustizia sarebbe, sostanzialmente, quella di assicurare – a chi svolge questo importante ruolo – maggiori garanzie economiche. Al momento, infatti, i compensi dei magistrati onorari vengono commisurati al numero delle udienze che tengono. Gli stipendi, così, si rivelano troppo esigui a fronte di un lavoro ben più complesso, svolto spesso con ruoli che travalicano la semplice qualifica onoraria.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube