Cronaca | News

Treno deragliato: la causa in un pezzo difettoso

13 Febbraio 2020
Treno deragliato: la causa in un pezzo difettoso

Un componente dello scambio sui binari aveva un difetto elettrico: lo dichiara l’Authority delle ferrovie. Individuata la società produttrice, la francese Alstom.

Forse è stata scoperta la causa dell’incidente ferroviario accaduto a Lodi il 6 febbraio scorso, quando il treno ad alta velocità Frecciarossa 9595 è deragliato provocando la morte dei due macchinisti ed il ferimento di 30 passeggeri.

Le indagini si erano subito concentrate sullo scambio deviatoio lasciato aperto sui binari e proprio qui emergono oggi nuovi particolari: si tratterebbe di un pezzo difettoso, un componente elettrico del meccanismo attuatore dello scambio, che era stato montato dagli operai in servizio quella notte stessa e che avevano terminato il turno, senza constatare irregolarità, poco prima di dare il via libera al treno in arrivo che alle 5,30 del mattino è deragliato proprio in quel punto.

La rivelazione di oggi arriva, per come comunica l’agenzia stampa Adnkronos, per bocca di Marco D’Onofrio, dirigente dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, durante la sua audizione nella commissione Lavori pubblici del Senato riunita per appurare le cause dell’incidente ferroviario.

In particolare, D’Onofrio ha parlato “di un difetto interno all’attuatore. Sono state fatte delle prove in campo e sembra che ci sia un’inversione dei cablaggi interna al dispositivo che si è andato a sostituire”. Una “banale” inversione di polarità dei circuiti elettrici, dunque, che avrebbe “ingannato” i sofisticati sistemi di controllo della rete ferroviaria, non segnalando anomalie.

Secondo l’Authority , comunque, quanto è emerso oggi non è la risposta definitiva: “‘è una prima evidenza che introduce un problema che è stato riscontrato” ma ”non giustifica tutto”.

Al momento risultano indagati i cinque operai di Rfi – Rete Ferroviaria Italiana che hanno eseguito i lavori di manutenzione sullo scambio e la stessa società Rfi per la legge 231 sulla responsabilità amministrativa degli enti per fatti derivanti da reato; ma alla luce dei nuovi elementi la lista potrebbe estendersi.

Infatti è stata individuata la società che ha prodotto il componente ritenuto difettoso: è la francese Alstom, un gruppo che opera nel settore della costruzione di treni ed infrastrutture ferroviarie. C’è un’indagine della Procura in corso e aspettiamo l’esito dell’inchiesta”, affermano ora fonti del gruppo industriale, interpellate dall’Adnkronos in merito.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube