Politica | News

Renzi vota con l’opposizione e il Governo trema

14 Febbraio 2020 | Autore:
Renzi vota con l’opposizione e il Governo trema

L’uscita di Italia Viva dalla maggioranza è sempre più vicina, ma Conte ha un piano per la tenuta del governo: sostituire i renziani con altre forze in arrivo.

Sta succedendo qualcosa di speciale, ben diverso dalle divergenze e tensioni che caratterizzano sempre la vita politica. Italia Viva, il partito di Matteo Renzi – uscito dal Pd ma nelle parole fedele all’attuale Governo – che si stacca dalla maggioranza e vota insieme all’opposizione; poi le due ministre renziane, Bellanova e Bonetti, che disertano la riunione del Consiglio dei ministri. «Riterrò le assenti ingiustificate», ha annunciato il premier Conte appena appresa la notizia; «Non sei il preside», gli ribatte Renzi.

Sembra una classe scolastica indisciplinata, con qualche alunno ribelle e il professore che rimprovera e fatica a mantenere l’ordine. Dopo la riunione di ieri sera – che si tiene lo stesso, nonostante le assenze, e nella quale il Governo approva la bozza di riforma della giustizia proposta dal ministro Bonafede, così come in mattinata era passato al voto il lodo sulla prescrizione –   Conte parla di «opposizione maleducata» e dice: «Italia Viva chiarisca cosa intende fare»; proprio come in classe si chiede conto agli allievi indisciplinati e che non seguono le lezioni “quali intenzioni hanno”.

Ora la vera battaglia è tra Conte e Renzi, l’attuale premier e l’ex premier. L’assenza delle ministre di Italia Viva e il voto espresso già in due occasioni contro la maggioranza sono sintomi di qualcosa di più profondo, un malessere più ampio che ha portato ad una aperta spaccatura e potrebbe sfociare prestissimo in una crisi di governo. L’insofferenza manifestata da Renzi è ormai plateale, appare troppo grande per essere colmata e va ben al di là della singola questione sulla prescrizione votata ieri mattina in Commissione o della riforma del processo penale votata ieri sera in Consiglio dei ministri.

Renzi ieri in una lunga diretta Facebook ha spiegato una linea diversa e opposta da quella di Conte, ha detto di non voler accettare «il matrimonio tra Pd e M5S», ha spiegato di «non voler cedere alle minacce» e ha dichiarato di voler «proseguire la battaglia». E se i sondaggi lo accusano di cercare visibilità (lo pensa il 77% degli italiani) lui replica di guardare comunque «all’interesse del paese».

Intanto, mentre il segretario del Pd Nicola Zingaretti avvertiva «Se finisce il governo si vota», Conte e le forze di maggioranza già pensano a come rimpiazzare Italia Viva e così ottenere i numeri necessari per approvare i provvedimenti in arrivo, specialmente al Senato dove la maggioranza è più sottile ed il sostegno dei renziani è ancora determinante. Così Conte nel pomeriggio telefona al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – che gli concede via libera: «Faccia quello che si sente», gli ha risposto il capo dello Stato.

Così scatta il piano di emergenza (forse già preparato in anticipo): c’è una rete di sicurezza, e, secondo le prime indiscrezioni, sono in arrivo forze disponibili dal Gruppo Misto e da Forza Italia per fornire sostegno. Alla conta dei numeri, sarebbero 15 senatori pronti a sostituire i 17 di Italia Viva, e basterebbero a garantire la tenuta del governo, senza più la necessità di aprire una crisi dalle conseguenze incerte.

Intanto, certo è che un’altra defezione di Italia Viva in una qualsiasi nuova occasione spaccherebbe definitivamente la maggioranza: potrà essere il prossimo voto sul frastagliato decreto Milleproroghe, o quello sul decreto intercettazioni, già in calendario la prossima settimana e sul quale il governo ha già posto il voto di fiducia. Sarebbe la prova decisiva per far uscire Renzi allo scoperto, e delineare una nuova maggioranza senza Italia Viva, che già ha fatto capire di trovarsi più a suo agio all’opposizione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube