L’esperto | Articoli

Bloccare il passaggio: ultime sentenze

23 Luglio 2021
Bloccare il passaggio: ultime sentenze

Scopri le ultime sentenze su: delitto di violenza privata; privazione della libertà di determinazione e di azione; impedire l’accesso; bloccare il passaggio di un’auto con altro mezzo.

Nell’articolo 610 del Codice penale, la legge punisce chi, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualcosa. Chi blocca il passaggio, costringe a interrompere ciò che stavi facendo. È un atto di violenza forzata, contro il quale non puoi ribellarti. La norma stabilisce una pena della reclusione fino a 4 anni. A riguardo, la Corte ha affermato due importanti principi: il reato scatta anche per pochi minuti: non conta quanto tempo duri la violenza, ma il semplice fatto che il comportamento sia stato realizzato; il reato scatta sia nel caso in cui la condotta sia stata posta in malafede (dolo), con l’intento di dar fastidio, sia con colpa, ossia ignorando di aver bloccato il passaggio. Per saperne di più leggi le ultime sentenze.

Parcheggiare l’auto bloccando il passaggio alla persona offesa

Integra il delitto di violenza privata la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura in modo tale da bloccare il passaggio impedendo l’accesso alla persona offesa, considerato che, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione

Cassazione penale sez. V, 16/10/2019, n.51236

Parcheggiare la vettura dinanzi ad un fabbricato

Integra il delitto di violenza privata la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura dinanzi ad un fabbricato in modo tale da bloccare il passaggio, impedendo l’accesso alla persona offesa, considerato che, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione.

Cassazione penale sez. V, 16/10/2017, n.1913

Libertà di determinazione e di azione

L’elemento della violenza nella fattispecie criminosa di violenza privata si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione, potendo consistere anche in una violenza “impropria”, che si attua attraverso l’uso di mezzi anomali diretti ad esercitare pressioni sulla volontà altrui, impedendone la libera determinazione; integra, pertanto, il delitto di violenza privata la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura dinanzi ad un fabbricato in modo tale da bloccare il passaggio impedendo l’accesso alla parte lesa, considerato che, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione.

Cassazione penale sez. V, 19/10/2015, n.48346

Violenza privata: cos’è?

Integra il delitto di violenza privata la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura dinanzi ad un fabbricato in modo tale da bloccare il passaggio impedendo l’accesso alla parte lesa, considerato che, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione.

Cassazione penale sez. V, 20/11/2013, n.8425

Il requisito della violenza

Ai fini della configurabilità del delitto ex art. 610 c.p., il requisito della violenza si identifica con qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione. Tale è da ritenersi il bloccare il passaggio di un auto con altro mezzo.

(Nel caso di specie, però, non sussiste il reato perché non vi è prova certa che l’imputata, parcheggiando la propria vettura davanti alla porta d’ingresso della cantina della parte offesa che in quel momento era all’interno del locale, avesse la consapevolezza e la volontà di impedirne l’uscita).

Tribunale Trento, 22/07/2013, n.734

Reato di violenza privata: quando si configura?

Il reato di violenza privata si configura non solo quando venga adoperata la violenza propria, ossia fisica, ma anche quando la condotta si esplichi con la violenza impropria, che si attua mediante l’uso di mezzi anomali diretti a esercitare pressioni sulla volontà altrui, impedendone la libera determinazione. In questa prospettiva, il reato è ravvisabile anche nella condotta di colui che parcheggi la propria autovettura in modo tale da bloccare il passaggio e da impedire alla persona offesa di muoversi, rientrando nella rilevata nozione di violenza qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione.

(Fattispecie nella quale, peraltro, il reato di violenza privata è stato escluso, risultando evidente il difetto del dolo e risultando, per converso, che la condotta dell’imputato – sostanziatasi nell’aver parcheggiato in doppia fila il proprio autoveicolo, per alcune ore, di notte, in tal modo “bloccando” le autovetture parcheggiate nella “fila interna” – era stata caratterizzata solo da una vistosa incuria in spregio del rispetto delle altrui esigenze).

Cassazione penale sez. V, 30/01/2007, n.9215

Bloccare il passaggio impedendo alla parte lesa di muoversi

Integra il delitto di violenza privata (art. 610 c.p.) la condotta di colui che parcheggia la propria autovettura in modo tale da bloccare il passaggio impedendo alla parte lesa di muoversi, considerato che ai fini della configurabilità del delitto in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione.

Cassazione penale sez. V, 17/05/2006, n.21779



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Parcheggiare di fronte ad un passo carrabile impedendo entrata ed uscita integra violenza privata? C’e’ differenza se è presente o meno un cancello secondario? Rileva solo il dolo o anche la colpa. All’inizio dell’articolo sembrerebbe di capire entrambi anche se poi gli esempi giurisprudenziali smentiscono per la colpa

Rispondi a Valentina Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube