Politica | News

Economia, nuovi criteri di valutazione dall’Ue

15 Febbraio 2020
Economia, nuovi criteri di valutazione dall’Ue

I Paesi europei saranno giudicati anche per le politiche ambientaliste. L’annuncio del commissario Gentiloni. Il Green deal e gli investimenti miliardari

Le economie delle nazioni Ue saranno bocciate o promosse dall’Unione europea anche per la loro politica ambientalista. La Commissione sta lavorando per inserire i criteri di valutazione sulla transizione green dei Paesi membri. Lo ha annunciato il commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni, durante un appuntamento elettorale del Pd a Roma, come riporta l’agenzia Adnkronos.

«Non dobbiamo per questo abbandonare gli altri criteri di valutazione – ha specificato Gentiloni -. Il Green deal Ue può essere per il nostro Paese un’occasione straordinaria. Se guardiamo a crescita e debito, l’Italia ha moltissimo lavoro da fare ma, se guardiamo alle emissioni, se guardiamo al futuro, possiamo giocare una partita decisiva». Il Commissario ha poi osservato: «Penso che la Commissione abbia fatto una scelta coraggiosa perché, tra un anno e mezzo, la realtà chiederà il conto delle realizzazioni ambientali, di questa neutralità. Abbiamo messo questo obiettivo al centro della nostra azione e siamo convinti che l’Europa possa avere un ruolo di leadership a livello globale, ma bisogna guadagnarsela».

Green deal, pioggia di miliardi

Ma vediamo che cos’è il Green deal varato dall’Unione europea. Si tratta di un piano di investimenti per l’economia “verde”. Il programma della Commissione Ue mobiliterà almeno mille miliardi di euro di investimenti sostenibili nel prossimo decennio. Il vicepresidente esecutivo della Commissione, Valdis Dombrovskis, aveva spiegato che «il bilancio Ue aggiungerà fino a circa la metà della cifra e utilizzerà anche la leva finanziaria. Attraverso Invest Eu, mobiliteremo circa 279 miliardi di fondi pubblici e privati per gli investimenti favorevoli al clima e all’ambiente. In questo modo, il bilancio Ue verde farà da esempio. Il cofinanziamento nazionale per i progetti verdi conterà per altri 114 miliardi».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube