Cadute degli anziani: trovata una causa frequente

15 Febbraio 2020
Cadute degli anziani: trovata una causa frequente

La ragione del fenomeno è spesso dovuta a problemi cardiocircolatori e sincopi. Nasce il ‘pronto soccorso’ anti-caduta, Italia fra primi Paesi in Europa.

Spiegato uno dei più frequenti motivi delle improvvise cadute degli anziani: la risposta arriva dagli esperti riuniti a Roma per il Congresso internazionale di cardiologia geriatrica su cui ci resoconta la nostra agenzia stampa Adnkronos Salute.

Capita a 100mila anziani ogni anno: sono la metà degli ‘over 65’ che arrivano al pronto soccorso per una caduta non spiegata. La vista si offusca, la mente si annebbia e le gambe non reggono più. Ma se l’anziano cade, la colpa è spesso del cuore: si verifica una perdita improvvisa e temporanea di coscienza, dovuta a problemi cardiocircolatori.

Lo rivelano oggi gli esperti a congresso di cardiologia geriatrica, co-organizzato dal Dipartimento di Medicina sperimentale e clinica dell’Università di Firenze, dalla Saint Camillus University of Health and Medical Sciences di Roma e dalla Fondazione internazionale Menarini, con il patrocinio della Società italiana di Cardiologia geriatrica (Sicge).

“Le cadute sono una delle maggiori minacce per la salute degli anziani. Nel 5-10% dei casi si traducono in fratture, traumi cranici, ferite e nell’1% in una frattura di femore, con esiti che incidono pesantemente sulla qualità e l’aspettativa di vita. A un anno dalla frattura di femore la mortalità è del 20-30%, mentre il 50% dei pazienti sviluppa sintomi di ansia e depressione che peggiorano la disabilità successiva alla frattura”, sottolinea Niccolò Marchionni, co-presidente del congresso e direttore del Dipartimento Cardiotoracovascolare all’ospedale Careggi di Firenze.

“Molti anziani hanno cali di pressione o altre difficoltà circolatorie – spiega – che portano a una momentanea perdita di coscienza e alla conseguente caduta. Individuare questi soggetti è essenziale per poterli gestire al meglio e prevenire ulteriori cadute: è ciò che accade grazie alle Unità sincope e cadute nel pronto soccorso, dove i pazienti vengono valutati secondo protocolli ben standardizzati, per capire le cause della sincope e prevenire le recidive”. Auspicate dalle linee guida della Società europea di cardiologia nel 2018, dopo le prime esperienze in Irlanda, queste Unità ‘anti-cadute’ sono già attive anche in Italia, dove il Careggi di Firenze è capofila seguito dall’ospedale Molinette di Torino, dal policlinico Federico II di Napoli e dall’ospedale Baggiovara di Modena.

Così accade che “il 30% degli anziani arriva in pronto soccorso per una caduta non spiegata e nella metà dei casi la ragione è una sincope da motivi cardiovascolari. Le Unità sincope e cadute rappresentano quindi un perfetto esempio dell’importanza della figura dello specialista della sincope, che opera anche in contesti clinici e assistenziali diversi dalle Syncope Unit, per mettere a disposizione la sua esperienza nel pronto soccorso”, spiega Alessandro Boccanelli, presidente Sicge e co-presidente del congresso.

“Sincopi e cadute sono tra le più frequenti cause di accesso al pronto soccorso e, in particolar modo negli anziani, non è raro che i due eventi siano correlati – afferma Andrea Ungar, responsabile della Syncope Unit al Careggi di Firenze e co-presidente del congresso – è necessario un immediato inquadramento dei pazienti che si presentano al pronto soccorso per episodi di sincopi e cadute. Qui gli anziani, grazie a un team composto da geriatra e cardiologo, vengono sottoposti a numerosi esami per verificare se all’origine della caduta c’è un’alterazione del ritmo cardiaco, una cardiopatia strutturale, o alterazioni dei meccanismi di regolazione della pressione arteriosa, magari per effetti collaterali da farmaci”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube