Diritto e Fisco | Articoli

Come risparmiare 100 euro al mese

29 Maggio 2020 | Autore:
Come risparmiare 100 euro al mese

Vorresti avere 1.200 euro a tua disposizione ma non sei capace di metterli da parte. Leggi questo articolo per imparare come risparmiare senza stress mese per mese.

Vuoi acquistare l’ultimo modello della tua marca preferita di cellulare ma quel piccolo apparecchio ti costerebbe 1.200 euro, ma non puoi acquistarlo non solo perché la spesa è esagerata, ma anche perché non hai quei soldi da parte. Non preoccuparti, c’è un modo per riuscire a risparmiare, giorno per giorno, così potrai soddisfare anche l’acquisto di un capriccio. Puoi imparare come risparmiare 100 euro al mese, solo con un po’ di autocontrollo, senza fare grandi rinunce o avere sensi di colpa.

Un primo modo è scegliere cosa acquistare. Ad esempio, puoi rinunciare al pranzo di lavoro al ristorante e consumare cibo cucinato a casa. Puoi ridurre i consumi dei beni di lusso, come alcol e sigarette, o evitare la colazione al bar. Puoi rinunciare alla visione dei film del momento al cinema, dirottando la tua scelta su di un film da vedere in streaming da casa. Inoltre, non dimenticare che puoi risparmiare anche evitando gli sprechi in casa e consumando meno energia, gas o acqua.

In questo articolo, trovi questi e molti altri consigli per imparare a cambiare le tue scelte quotidiane e arricchire il tuo portafoglio.

Come risparmiare ogni giorno

Lasciando da parte questi ultimi drastici anni di crisi economica, l’Italia è da sempre considerata la terra dei risparmiatori. Eppure, oggi, è così difficile riuscire ad arrivare alla fine del mese, che sembra impossibile immaginare di risparmiare un po’ di soldi. In verità, puoi:

  • scegliere quali alimenti comprare, limitandoti ad aprire il portafoglio solo per quei beni che, ad esempio, non puoi preparare da solo;
  • ridurre gli sprechi (per le spese di casa o di trasporto).

Ma vediamo in pratica come si possono eliminare o ridurre gli sprechi di denaro e come risparmiare ogni giorno senza troppi sacrifici.

Alimentazione

Tra le spese per l’alimentazione rientrano quelle per la colazione, il pranzo e la cena. Magari non ci hai mai pensato, ma il tuo risparmio può partire proprio dalla spesa che fai ogni giorno.

Per risparmiare sul cibo puoi:

  • fare colazione a casa anziché al bar. Il risparmio su caffè e cornetto è di almeno 2 euro al giorno che, moltiplicato per 30 giorni, ti porta a risparmiare 60 euro mensili;
  • portare da casa la quotidiana bottiglietta di acqua anziché acquistarla ai bar. Il risparmio in questo caso è di almeno 1 euro al giorno che, moltiplicato per i soliti 30 giorni del mese, ti permette di risparmiare 30 euro mensili;
  • porta da casa il pranzo di lavoro anziché andare al ristorante. Il risparmio, in questo caso, è notevole e, anche se lo calcolassimo in modo inverosimile al costo di un altro euro al giorno, ci troveremmo con un risparmio di 30 euro mensili.

Automobile

Ogni giorno, puoi rinunciare o diminuire l’uso dell’automobile o del motociclo per i tuoi spostamenti. Ad esempio, puoi muoverti:

  • in bicicletta (normale o elettrica), se vivi in città dove ci sono delle piste ciclabili. Risparmierai la spesa del carburante con un guadagno che si aggira almeno a 8 euro giornalieri;
  • con i mezzi di trasporto pubblico, come i tram, le metropolitane o gli autobus. Considerato il prezzo dei biglietti o dell’abbonamento, il risparmio è di almeno 5 euro giornalieri.

E sai anche un altro motivo per preferire i mezzi pubblici o la bicicletta all’auto? La sicurezza. E’ stato accertato da alcuni studi che, a parità di chilometri percorsi, chi usa la bici o i mezzi pubblici rischia di essere coinvolto in incidenti 7 volte in meno rispetto a chi usa l’automobile.

Telefono

L’uso quotidiano del telefono porta con sé dei costi su cui puoi intervenire, ad esempio:

  • eliminando il costo della segreteria telefonica, che di norma è pari a 20 centesimi ad utilizzo, e sostituirla coi messaggi vocali di WhatsApp;
  • chiedendo al proprio servizio clienti di attivare i blocchi dei numeri a pagamento. In questo modo, elimini la possibilità di addebito di costi per servizi legati a sfondi o suonerie per telefonini o ad abbonamenti a servizi di gossip. In questo caso, il risparmio si aggira, come minimo, a 3 euro al giorno.

Giornali

Per chi ama la carta stampata, acquistare il giornale ogni giorno presso l’edicola di fiducia rappresenta un rito. Tuttavia, anche questa spesa, in vista del tuo obiettivo, può essere eliminata, o almeno ridotta. Ad esempio:

  • puoi leggere i fatti di cronaca sui giornali gratuiti che trovi nella metro o su quelli distribuiti in alcuni bar;
  • puoi usare il computer o il cellulare per leggere i giornali italiani ed esteri on line.

Come risparmiare 100 euro al mese

Se il tuo obiettivo è un bel viaggio in un Paese esotico oppure l’acquisto dell’ultimo modello di cellulare non importa; ciò che più conta è stabilire quanto risparmiare ogni mese e scegliere quali spese mensili ridurre o eliminare.

Ad esempio, se decidi di risparmiare 1.200 euro all’anno e dividi l’importo per 12 mesi, sai di dover risparmiare 100 euro al mese. A questo punto, devi selezionare il tipo di spesa che sei disposto a ridurre e comportarti di conseguenza.

Quali spese non devo eliminare o ridurre?

Tutti i costi che sostieni per la tua salute o per i beni di prima necessità, come il cibo, non dovrebbero essere toccati. Ad esempio, non tentare di eliminare o di ridurre:

  • i costi dell’abbonamento mensile per lo sport, se l’attività fisica ti è stata consigliata dal medico;
  • la spesa alimentare al supermercato;
  • i costi di una visita medica, anche se solo di controllo.

Quali spese mi conviene eliminare o ridurre?

La scelta dei beni sui quali hai intenzione di operare il risparmio, riducendone i consumi, è personale. L’unico consiglio utile al caso è domandarti, ogni qualvolta stai per comprare qualcosa, se preferisci avere l’oggetto o il denaro nel portafoglio. In questo modo, verrà naturale risparmiare soldi ogni mese.

Per capire meglio il meccanismo, eccoti alcuni esempi pratici dei più facili accorgimenti per ridurre costi e sprechi.

Cibo

Per ridurre gli sprechi sul cibo il primo consiglio è quello di non andare a fare la spesa se non hai fatto un elenco scritto delle cose che mancano in casa.

E’ dimostrato, infatti, che quando si va a fare la spesa per la settimana e non si ha l’elenco degli alimenti da acquistare, si finisce per spendere di più. Magari perché si acquistano due volte alimenti già presenti in casa o perché ci si lascia distrarre dalle offerte o dalle novità dei prodotti, allontanandosi dalle cose che servono davvero. Il risparmio di spesa con l’uso dell’elenco può arrivare anche a 30 euro settimanali, pari a 120 euro mensili.

Fumo

In media, un fumatore consuma 1 pacchetto da 20 sigarette al giorno, il cui costo non è inferiore a 4,50 euro. Se fumi e decidessi:

  • di smettere di fumare, l’effetto positivo che ne seguirebbe sarebbe sia per la tua salute sia per il tuo portafoglio, atteso che il risparmio economico ammonterebbe a 130,00 euro al mese;
  • di ridurne il consumo giornaliero a metà pacchetto, il risparmio di spesa invece sarebbe pari a 65,00 euro mensili.

Comportamenti senza sprechi

Un altro modo sicuro per avere un risparmio di spesa è assumere in casa comportamenti che impediscono l’inutile consumo di gas, acqua o luce.

Ma vediamo insieme qualche esempio di comportamenti senza sprechi:

  • bisogna preferire l’acquisto di elettrodomestici a basso consumo energetico e di lampadine a risparmio energetico, per consumare meno corrente elettrica;
  • non posizionare il condizionatore dietro a divani o tende, perché questi impediscono all’aria fresca di propagarsi nella stanza, per evitarne l’uso più prolungato;
  • chiudere il rubinetto mentre si lavano i denti, per consumare meno acqua;
  • non coprire mai i termosifoni né con panni da asciugare né con altro, per risparmiare sul consumo del gas, perché diversamente la caldaia lavora di più;
  • impostare la temperatura in casa a 20 gradi e non a 22 o più, perché si arriva a risparmiare oltre il 40% della spesa;
  • non acquistare arredamenti nuovi ma provare a cercare quello che si vuole comprare nei negozi di seconda mano oppure on line, su siti come Ebay o Subito.it.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube