Bonus facciate anche per gli interventi termici

18 Febbraio 2020
Bonus facciate anche per gli interventi termici

Si può richiedere l’agevolazione, con detrazione fiscale al 90%, quando è interessata una porzione di intonaco superiore al 10%.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare con le istruzioni per usufruire del ‘bonus facciate‘, la nuova agevolazione fiscale che prende il via quest’anno e consente una detrazione fiscale del 90% delle spese sostenute per gli interventi di recupero o restauro della facciata esterna degli edifici.

L’incentivo, varato con la legge di Bilancio 2020, lasciava molti dubbi aperti sugli adempimenti da seguire, sugli interventi agevolabili e sui soggetti che possono accedere al beneficio. Ora stanno arrivando dall’Agenzia delle Entrate i necessari chiarimenti, come quello che consente di accedere al bonus facciate anche per balconi ed inquilini.

Ora l’Agenzia ha realizzato anche una guida online che fornisce tutte le informazioni necessarie per permettere ai contribuenti di fruire della detrazione d’imposta dedicata al restauro delle facciate degli edifici. La guida è disponibile sul sito www.agenziaentrate.it.

Come effettuare i pagamenti

Per godere dell’agevolazione, i contribuenti non titolari di reddito d’impresa, devono effettuare il pagamento delle spese tramite bonifico bancario o postale dal quale risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione ed il numero di partita Iva o del codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Quale documentazione serve

L’Agenzia ricorda che per fruire del bonus è necessario indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile e, se i lavori sono effettuati dal detentore, come nel caso dell’inquilino o del comodatario che lo occupa a titolo gratuito, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo.

Dunque, in questi casi anche il contratto di comodato dovrà essere registrato, se è colui che occupa l’immobile ad avere sostenuto le spese per le quali richiede la detrazione d’imposta al 90%.

Gli interventi termici agevolabili

Per gli interventi che influiscono dal punto di vista termico o che interessano oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio si applicano anche le stesse procedure e gli stessi adempimenti previsti per l’ecobonus.

Questo può comportare un appesantimento degli adempimenti posti a carico dei richiedenti, perché la normativa per gli interventi termici prevede l’invio all’Enea, entro 90 giorni dalla fine dei lavori ed esclusivamente in via telematica, della scheda descrittiva relativa agli interventi realizzati.

Un onere che per gli interventi più importanti prevede anche l’invio dell’Ape (attestazione di prestazione energetica) e la scheda informativa, redatta da un tecnico abilitato, con la quantificazione del risparmio energetico conseguito.

Documentazione che non è necessaria, invece, per gli interventi che riguardano esclusivamente le facciate. Ma quando l’esecuzione di un intervento termico comporta anche il rifacimento di una porzione consistente dell’intonaco esterno, vale la pena di seguire la strada del bonus facciate perché consente una percentuale di detrazione più alta di quella prevista dall’ecobonus.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

Rispondi a Domenico Maddaluno Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube